C'è una linea nel centro Italia che sta per cambiare radicalmente volto.

Si tratta della Civitanova-Albacina, che in questi giorni sta vedendo importanti lavori propedeutici all'elettrificazione che dovrebbero essere completati entro l'anno prossimo.

Il passaggio successivo sarà quindi il cantiere per l'elettrificazione vera e propria, che vale da sola 70 milioni di euro, inseriti nel programma pluriennale di investimenti di RFI. 

"E uno dei progetti più importanti di upgrade infrastrutturale nelle Marche — dice la stessa RFI tramite le colonne del Corriere Adriatico — e per questa ragione stiamo profondendo tantissime risorse in termini di persone e fondi. L'elettrificazione della tratta è oggetto di una convenzione tra RFI e Regione, che prevede due tranche di finanziamento: una da 40 milioni, erogata nel 2018 e una da 70 milioni. In questo secondo caso, non sono ancora erogati, ma si prevede che ciò venga fatto nel 2021".

I lavori propedeutici intanto vanno avanti e come già scritto in news passate prevedono l'adeguamento della sagoma di otto gallerie - Cincinelli, Convitto, San Giuseppe, Bura, Artificiale, Maricella, Cancellotti e Gesso - e adeguamenti anche nelle stazioni, con la realizzazione di sottopassi e marciapiedi alti per favorire l'accessibilità al treno.

A tal proposito risultano già completati gli impianti di Morrovalle e Corridonia, mentre sono in corso i lavori in quelle di Tolentino e San Severino Marche. Nel 2021, poi, partiranno i cantieri a Montecosaro, Castelraimondo, Matelica e Urbisaglia.

Stando a RFI "nella seconda tranche del progetto, i lavori consisteranno nella realizzazione di tre sottostazioni elettriche e di tutto l'impianto di trazione elettrica", il che significherà inevitabilmente la fine per i mezzi Diesel che attualmente circolano sulla linea che saranno spostati altrove. Un passaggio decisamente green per una regione attenta all'impatto ambientale.

Secondo le stime sempre di RFI, i primi treni elettrici circoleranno tra il 2024 ed il 2025 con un ritardo di circa un anno sul cronoprogramma a causa ovviamente del Coronavirus.

Il lavoro porterà con sé anche la soppressione dei passaggi a livello presenti sulla tratta. Nella regione ce ne sono ancora 71, 42 dei quali sulla Civitanova-Albacina, destinati ad avere però una vita piuttosto breve.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia