Più traffico sulle rotaie. Questo è l'obiettivo a portata di mano grazie ai carri merci modulari di nuova concezione che DB Cargo e VTG hanno presentato ieri per la prima volta a Berlino.

Nell'ambito del progetto m2, entrambi i partner hanno costruito un carro pianale "lungimirante" in circa un anno e mezzo. Dopo il completamento con successo dei test iniziati nella primavera del 2020, entrambe le società stanno ora puntando all'omologazione.

"Con m2 stiamo sviluppando i carri merci del futuro. Con il nuovo sistema abbiamo una piattaforma variabile e possiamo cambiare in modo flessibile la struttura dei carri. In questo modo rendiamo ancora più flessibile il trasporto merci su rotaia rispettoso dell'ambiente. Possiamo soddisfare i desideri dei nostri clienti più rapidamente", afferma Sigrid Nikutta, membro del consiglio di amministrazione di DB per il trasporto merci e CEO di DB Cargo.

"Nell'ambito del progetto m2, ci stiamo concentrando sulle esigenze del settore marittimo. I nuovi vagoni possono essere adattati rapidamente e facilmente a specifiche esigenze di trasporto. Ciò aumenta l'attrattiva del trasporto merci su rotaia e lo rafforza in concorrenza con la strada", aggiunge Heiko Fischer, presidente del consiglio di amministrazione di VTG AG.

La formula vincente è "multifunzionale e modulare". Il progetto m2 si basa infatti su un sistema modulare con il quale i carrelli possono essere adattati individualmente alle esigenze del cliente. 
A seconda della necessità, i carri pianali a quattro assi possono essere configurati con una lunghezza di carico compresa tra 34,7 e 74,3 piedi. Anche la selezione di componenti come carrelli, set di ruote o freni (a blocco o a disco) viene effettuata tenendo conto della destinazione d'uso. Questo consente di ottimizzare i carrelli in base a vari parametri, come peso, chilometraggio o costi. Diverse strutture consentono il trasporto di un'ampia varietà di merci.

Con il progetto m2, DB Cargo e VTG stanno consolidando la loro eccellente collaborazione negli ultimi anni. Il gruppo di lavoro ha già collaborato tra il 2016 e il 2019 al progetto “Innovative Freight Cars” finanziato dal Ministero Federale dei Trasporti. Allora le due società svilupparono congiuntamente quattro diversi modelli di carri, testarono un totale di 27 componenti innovativi e contribuirono in questo modo a rendere il trasporto merci su rotaia non solo più economico, ma anche più efficiente dal punto di vista energetico oltre che più silenzioso.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia