Via libera della Commissione UE alla fusione Alstom-Bombardier.

L’antitrust comunitario ha approvato con alcune condizioni piuttosto impegnative la proposta di acquisizione avanzata dalla casa costruttrice francese e si appresta a vigilare sull’effettivo rispetto delle condizioni stesse poste per la fusione.

Alstom ha dunque negoziato con la Commissione europea i termini dell’acquisizione, e alla fine l’ha avuta vinta anche se a caro prezzo.

Per poter convolare a nozze deve infatti cedere la propria piattaforma Coradia Polyvalentla piattaforma Talent 3 di Bombardier, gli impianti di produzione di Reichshoffen (Francia) e Hennigsdorf (Germania). 

Ancora, Alstom deve disfarsi delle forniture delle componenti di unità di bordo per ProRail, gestore della rete ferroviaria olandese, a favore di tutti gli operatori interessati. Infine Alstom deve rinunciare all’alta velocità, disinvestendo alla partecipazione nella piattaforma ‘Zefiro’ costituita da Bombardier e Hitachi.

Soddisfazione viene espressa da Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione europea e a capo dell’Antitrust a dodici stelle. “Emergerà un’entità combinata più forte di Alstom e Bombardier. Allo stesso tempo, grazie a questi rimedi, la nuova società continuerà anche a essere sfidata nei suoi mercati principali a beneficio di clienti e consumatori europei”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia