Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop” la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana.

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Bottiglie in cambio di biglietti

Ok, non è facile come sembra e forse non è nemmeno così innovativo, ma è sicuramente un bellissimo segnale di "risveglio" ambientale nonché di coscienza civica.

Parliamo dell'iniziativa di EAV che ha lanciato a Napoli una campagna di sensibilizzazione per la raccolta ed il riciclo delle bottiglie di plastica. Lasciandole nel compattatore incentivante, installato nella stazione Montesanto - terminal delle due linee che collegano il centro di Napoli con i comuni del litorale Flegreo e fino a qualche anno fa bersaglio preferito dei 'portoghesi' - si otterranno dei buoni sconto utili all'acquisto dei biglietti o di generi vari in negozi che aderiranno all'iniziativa.

Ne servono tante, eh: si parla di circa 30 bottiglie per ogni viaggio da o per Napoli. Dubitiamo che adesso i viaggiatori si presenteranno tutti in stazione stracarichi di bottiglie per accedere agli sconti, ma è indubbiamente un bel messaggio quello portato avanti da EAV sulla corretta raccolta dei rifiuti differenziati.

Quindi, top senza ombra di dubbio, sperando che non finisca come a Roma, dove il sistema per la raccolta delle bottiglie è stato vandalizzato dai soliti idioti dopo appena un mese dalla sua inaugurazione. Certe volte nella differenziata andrebbero buttati certi cervelli, oltre che le bottiglie di plastiche.

FLOP - Falso allarme bomba a Genova

E, parlando ancora di cervelli da buttare nella differenziata, alcuni di loro hanno pensato bene in settimana di annunciare un allarme bomba all’interno della stazione di Sampierdarena. Allarme rivelatosi poi fortunatamente falso. 

Tutto è partito da una doppia telefonata alla stazione e alla Caserma dei Carabinieri di Pegli che ha annunciato la presenza di ordigni esplosivi. Telefonata che ha portato inevitabilmente alla immediata evacuazione della stazione per consentire le verifiche del caso da parte degli artificieri, prontamente intervenuti sul posto.

Ovviamente fortemente compromessa la circolazione ferroviaria con tantissimi treni che hanno viaggiato con ritardi anche superiori alle due ore.

Che senso ha avuto tutto ciò? Dov'è il divertimento di annunciare una bomba in una stazione? Chi ha avuto giovamento da quel mare di ritardi?

Sinceramente in un momento già complicato di suo dalla pandemia da Coronavirus facciamo fatica a capire come si possa pensare di mettere "altra carne nel fuoco". Vediamo di essere chiari, anche se non ci fosse stato il Covid sarebbe stata una vera scemenza ugualmente.

In una Italia che sta tentando di ripartire, di tutto abbiamo bisogno tranne che di queste idiozie. Flop. Usate il cervello per scopi migliori, grazie. Sempre se lo avete.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia