Da domenica 26 luglio i treni sulla Bari-Taranto (tra le infrastrutture strategiche di interesse nazionale) percorreranno, per la prima volta, la tratta tra Bari Sant’Andrea e Bitetto su una linea a doppio binario.

La nuova tratta - la cui realizzazione ha visto un investimento di circa 220 milioni di euro - attraversa i comuni di Bari, Modugno e Bitetto e anche un tratto in galleria e un viadotto in carpenteria metallica di grande pregio ingegneristico che scavalca una cava dismessa.

Non finisce qui, sono state realizzate anche due nuove fermate: a Modugno, fuori dal centro abitato, e a Bari Villaggio del Lavoratore, nei pressi del quartiere Stanic, per un potenziale bacino di 3.500 persone. Gli stop sono corredati di parcheggio autofermata busmarciapiedi a raso per facilitare l’accesso ai convogli, percorsi e mappe tattili per le persone a ridotta mobilità , illuminazione a led, monitor partenze e impianti di diffusione sonora.

Last but non least, l’attivazione del nuovo tratto di linea coinciderà con l'eliminazione di sei passaggi a livello, con benefici in termini di regolarità e capacità grazie al doppio binario.

Nelle giornate di giovedì 23, venerdì 24, sabato 25 e fino alla mattina di domenica 26 luglio, per consentire le operazioni di allaccio del doppio binario, la circolazione sarà sospesa tra Acquaviva delle Fonti e Bari Centrale. In questa occasione sarà oprativo sulla tratta il treno Archimede di RFI.

Per questo motivo i treni regionali della relazione Bari-Gioia del Colle-Taranto saranno limitati ad Acquaviva delle Fonti. E i treni della lunga percorrenza a Bari Centrale o deviati via Brindisi. Sarà, comunque, attivo un servizio di bus sostitutivi tra Acquaviva delle Fonti e Bari Centrale e tra Gioia del Colle e Bari Centrale. 

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia