Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop” la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana.

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Ripristino dell'Arlecchino

Forse tendiamo ad essere troppo buoni con Fondazione FS Italiane... però, lasciatelo dire, che spettacolo vedere sui binari il rinato Arlecchino! E pensare che fino a qualche anno fa sembrava impossibile arrivare anche solo ad immaginare un simile intervento su uno dei treni che ha fatto la storia delle ferrovie italiane.

Un convoglio bello e unico, ma anche incredibilmente costoso da ripristinare e mantenere.

Alla Fondazione però non scherzano, e dopo anni di lavoro l'Arlecchino adesso è (tornato) una realtà. Nei giorni scorsi il treno ha fatto bella mostra di sé tra Pistoia e Milano, attraversando da nord a sud (tutto da solo, senza loco-appoggio!) mezza Penisola, per poi rientrare a Pistoia via Genova il giorno successivo.

Un'occasione irripetibile per decine di fotografi che non hanno perso la possibilità di immortalarlo in linea e nelle stazioni. 

A costo di apparire noiosi, non finiamo di plaudere a questa vivacità della Fondazione.

Era il lontano 2008 e molti di noi gridarono al miracolo nel vedere un ripristino estetico (solo estetico, da lasciare l'amaro in bocca!) della E.444 001. Visti i tempi di magra che correvano, sembrava un piccolo miracolo.

Adesso, dopo quasi dodici anni, l'asticella si è alzata e possiamo goderci il ripristino totale di un intero elettrotreno. Il tutto sapendo che a breve si farà il tris con l'ETR 302 e con le ALe 601. Chapeau Fondazione. E grazie!

FLOP - Ferrovie della Repubblica Ceca

Le settimane storte capitano a tutti, ma se capitano a noi al massimo sbagliamo a scrivere un articolo o se proprio va male ci scottiamo col caffè bollente alla mattina. Se capita ad un'amministrazione ferroviaria, succedono guai: deragliano i treni e muoiono persone a bordo. Per questo è inaccettabile che accada.

Questa settimana il disastro è capitato in Repubblica Ceca, che nel giro di una decina di giorni ha totalizzato quattro incidenti gravi sulla sua rete ferroviaria. 

L'ultimo, in ordine cronologico, è uno scontro senza vittime ad un passaggio a livello.

Poco prima, il 15 luglio a 30 km da Praga, un treno per pendolari si è schiantato contro una carrozza postale, forse per una via impedita non rispettata. Un morto e una decina di feriti gravi.

Il 7 luglio, invece, un frontale aveva coinvolto due treni nella regione di Karlovy Vary sul tratto ferroviario Pernink-Karlovy Vary, anche in quel caso con vittime.

Nel mezzo, un altro incidente ad un PL, e fanno quattro in totale

Insomma, una mattanza. Giusto due settimane fa assegnavamo il top a RegioJet per il nuovo servizio Praga - Croazia, ma questa settimana la Repubblica Ceca finisce dritta nel flop. Qualcosa, evidentemente, non sta funzionando nel modo giusto da quelle parti.

Insistiamo, inutile comprare nuovi treni, comodi e performanti, se poi le linee sono obsolete e i sistemi di sicurezza fanno acqua da tutte le parti. Le due cose devono andare di pari passo.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia