Il ricorso di Italo contro il piano tariffario 2016-2021, per le compagnie di servizi ferroviari per l’uso della rete di RFI che era stato già respinto dal Tar, nei giorni scorsi è stato nuovamente cassato dal Consiglio di Stato.

Lo rende noto Fortune Italia.

Si tratta del listino prezzi che i treni di Ferrovie dello Stato e di Italo e le compagnie viaggiatori estere che operano in Italia devono pagare alla società che gestisce e fa funzionare i binari e che Italo ha contestato in moltissime parti.

Lo si legge nella lunga sentenza, che la società non ha voluto commentare, pubblicata il primo luglio, in cui i magistrati di secondo grado oltre a ripassare le valutazioni dei giudici di primo grado, confermandole in ogni parte, hanno respinto anche i nuovi motivi di appello.

Gli amministratori di Italo hanno contestato quasi tutto: procedure, metodi di calcolo, la mancata distinzione fra rete tradizionale e alta velocità, le tempistiche dell’applicazione degli incrementi tariffari necessari a garantire il pareggio di bilancio a rete ferroviaria italiana.

Le lamentele degli amministratori della compagnia AV hanno riguardato, poi, molti dei parametri usati per definire il listino.

L'articolo completo è disponibile clicca qui.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia