Arriva la replica di Trenord ai pendolari che lamentano sovraffollamento dei convogli sulla linea Milano-Mortara.

Martedì 9 giugno la corsa 10537 (Milano P.Genova 18.08 – Mortara 18.59) è stata effettuata da un convoglio che offriva circa 900 posti a sedere. I sistemi di conteggio automatici dei passeggeri allestiti sui convogli hanno rilevato che il numero di viaggiatori a bordo durante il viaggio non ha mai raggiunto il limite indicato dall'ordinanza del 30 aprile 2020 di Regione Lombardia, che consente di occupare il 50% dei posti a sedere e il 15% di quelli in piedi.

Pur escludendo che a bordo si sia registrato un dato di frequentazione superiore a quello consentito dalle Autorità nell'ambito dell'emergenza Covid-19, si conferma che ieri sulla corsa ha viaggiato un numero di passeggeri superiore alla media in seguito alla soppressione della precedente 10533 (Milano P. Genova 17.42 – Mortara 18.27), causata da un guasto al convoglio non prevedibile e non risolvibile in tempi brevi. 

Trenord si scusa con i passeggeri per la cancellazione della corsa; si consiglia ai viaggiatori di disporsi in tutte le carrozze dei convogli, in modo da evitare situazioni di maggiore assembramento in alcuni punti. 

Riguardo la corsa 10508 (Mortara 7.23-Milano P. Genova 8.13), si conferma che questa mattina è stata effettuata da un convoglio composto da 7 carrozze monopiano invece che dal convoglio previsto, composto da 6 carrozze doppio piano. La sostituzione è stata causata da un guasto al convoglio previsto, evitando la soppressione della corsa. Da domani la corsa tornerà a circolare con la regolare composizione.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia