Trenord ha comunicato che al 4 giugno 2020, sui treni del servizio regionale non sarà possibile trasportare biciclette non pieghevoli.

Oltre alle bici pieghevoli si potranno portare a bordo monopattini (o mezzi simili) purché spenti, chiusi e posizionati in modo da non limitare accesso, movimentazione, posti a sedere.

Una brutta notizia, considerato che a Milano e nel resto della Lombardia molti, per passione e per necessità, hanno riscoperto la bicicletta come sistema alternativo per spostarsi evitando il mezzo privato automobilistico ma anche l’assembramento sui mezzi pubblici.

L'integrazione tra la bici e i mezzi diventa sempre più importante, come fa notare Alessandro Giungi, consigliere comunale milanese del Pd, secondo cui il divieto di bici sui treni regionali “non si comprende, proprio quando tantissime cittadine e cittadini si stanno rivolgendo a tale tipo di mobilità”.

“È evidente - sottolinea Giungi - come non sia mai possibile venir meno alle fondamentali norme di distanziamento sui treni regionali ma nulla osta a pensare a soluzioni che garantiscano il trasporto delle bici e dei passeggeri in sicurezza. Veramente scoraggia e deprime la completa mancanza di duttilità e capacità di adattarsi alle esigenze degli utenti da parte della società di trasporti regionale”.

Il consiglio comunale di Milano ha invece approvato una mozione che prevede, sperimentalmente, la possibilità di trasportare biciclette su ogni mezzo pubblico in qualunque fascia oraria.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia