La Spagna segue l'esempio italiano e dà un forte taglio al servizio ferroviario.

Dopo la dichiarazione dello stato di allarme da parte del governo spagnolo, che comporta la necessità di aumentare le misure sanitarie e limitare la circolazione delle persone, Renfe ha ordinato le seguenti misure straordinarie e urgenti, che entreranno in vigore con la dichiarazione dello stato di allarme:

Dalle ore 00:00 di mercoledì 18 marzo, ci sarà la cancellazione di tutti i biglietti del treno acquistati per viaggiare durante l'intera validità dello stato di allarme. Rimborso del 100% dell'importo pagato per questi biglietti sospesi a tutti i viaggiatori, indipendentemente dal tipo di tariffa che hanno pagato.

Per i servizi Ave, Larga Distancia, Media Distancia e Avant, verrà messa in circolazione una nuova offerta equivalente al 50% degli attuali treni, con solo il 30% dell'offerta su ciascuna vettura, per prendere misure tali da mantenere la distanza tra i viaggiatori. In alcuni casi, questo posizionamento dei passeggeri dovrà essere effettuato dai controllori del treno.

La sala Executive di ciascun treno sarà riservata ai casi di estrema necessità, in particolare per il trasporto di organi per trapianti o emergenze mentre i servizi Cercanías non modificheranno la loro offerta attuale.

Sui treni Ave e a lunga distanza viene fermata la ristorazione a bordo e chiusa la caffetteria con abolizione del servizio di bar mobile al sedile.

Sospesa anche la distribuzione della stampa a bordo, così come la distribuzione di cuffie. Vengono anche chiuse le sale club delle stazioni.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia