Dopo la pubblicazione a Palermo ieri, del rapporto Pendolaria di Legambiente, interviene oggi l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone della Regione Siciliana.

Falcone contesta il documento e sottolinea invece i progressi fatti negli ultimi 24 mesi dal Governo Musumeci sul rilancio dei treni in Sicilia. “Ci dispiace che il rapporto Pendolaria di Legambiente non metta in evidenza i risultati raggiungi fra 2018 e 2019 per quanto riguarda il rilancio del trasporto ferroviario in Sicilia, bensì restituisca una fotografia vecchia e non soddisfacente del servizio”.

“Questi due anni – prosegue Falcone – sono stati quelli dell’inversione di tendenza, sebbene la strada da recuperare sia ancora tanta. Sulle infrastrutture, ad esempio, vale la pena ricordare la riapertura del nodo Passante di Palermo, chiuso da oltre quattro anni; la riapertura della Caltagirone-Catania, chiusa da oltre due anni; l’ammodernamento della Catania-Siracusa con l’adeguamento di quattro stazione; l’avvio dei primi 40 chilometri del raddoppio ferroviario Catania-Palermo; l’avvio dei lavori sulla Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono e ancora, la costruzione della stazione Capaci e della fermata Fontanarossa all’aeroporto di Catania che, entro l’anno, porterà per la prima volta i treni allo scalo etneo”.

 

"L’assessore parla poi di numeri: “Abbiamo registrato nel 2010 l’aumento di oltre un milione e 200mila passeggeri, pari al 13 per cento, cioè il doppio del trend nazionale che si ferma a circa il 7 per cento".

"Quest’anno il saldo sta rimanendo positivo, e infatti nel solo mese di gennaio abbiamo rilevato circa 100mila passeggeri in più. Sul piano di puntualità e disservizi, a fronte di penali di soli 41mila nel 2017, nel 2018 abbiamo applicato sanzioni per oltre un milione e 500mila euro, soldi che stiamo reinvestendo negli sconti sulle tratte più disagiate – Palermo-Trapani, Modica-Caltanissetta e Catania-Caltagirone – e nei treni speciali per gli eventi come il Carnevale di Acireale, la festa del Mandorlo in fiore, l’Infiorata di Noto, per citarne alcuni”.

“Infine, per quanto riguarda il miglioramento degli standard qualitativi a bordo, ricordiamo l’entrata in servizio in Sicilia dei cinque nuovi treni “Pop”, prima regione in Italia dove avviene, e il certificato miglioramento sulla puntualità. Sono questi – conclude Falcone – i meriti che, come Governo Musumeci, rivendichiamo”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia