Proseguono le indiscrezioni di stampa su una notizia data qualche giorno fa.

Bombardier avrebbe infatti approcciato non solo la francese Alstom (come precedentemente indicato da Bloomberg), ma anche la giapponese Hitachi per individuare un partner con cui fondere le proprie attività nella produzione di treni. 

Secondo fonti citate questa volta da Reuters, il gruppo canadese avrebbe valutato anche di trattare con Siemens o addirittura con una rivale cinese, ma entrambe le opzioni sarebbero in seguito state scartate. L’obiettivo di una fusione con Alstom o Hitachi sarebbe quello di difendersi proprio dalla "minaccia" di Pechino, che nel 2015 aveva fuso i due gruppi a controllo statale Csr Corporation e China Cnr nel colosso Crrc Corporation.

Difendersi dalla concorrenza di Crrc era anche la principale motivazione del tentativo, fermato a giochi già fatti lo scorso anno dalla Commissione europea, d’integrazione delle attività nei treni di Siemens e Alstom.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia