Il 2020 è iniziato con una brutta notizia per tutti i pendolari Siciliani.

Dal primo gennaio infatti c’è stato un sensibile aumento del prezzo di biglietti e abbonamenti. Immediata la protesta delle associazioni dei pendolari che denunciano come a dispetto dell’innalzamento delle tariffe, soltanto il ritardo dei treni rimanga sempre invariato.

Il comitato pendolari siciliani Ciufer ha monitorato 9 linee nell’arco di 60 giorni, conteggiando 40.636 minuti di ritardo.

È quanto emerge dall'analisi di circa 11mila treni in esercizio lungo la Messina-Catania-Siracusa, Catania-Palermo, Palermo-Trapani, Messina-Palermo, Messina-Sant’Agata di Militello-Palermo, Agrigento-Palermo, Modica-Ragusa-Caltanissetta, Siracusa-Ragusa-Gela e Catania-Caltagirone.

Nel dettaglio, dei 749 treni monitorati sulla Catania-Palermo 180 risultano essere arrivati a destinazione in anticipo sull'orario previsto, 32 in orario, 266 con un ritardo entro i 5 minuti, 94 in ritardo di 10 minuti, 63 in ritardo di 20 minuti e 98 oltre i 20 minuti. A ciò si aggiungano 18 treni soppressi e 11 parzialmente soppressi, per complessivi 3.994 treni-chilometro cancellati e 6.581 minuti di ritardo.

Le nuove tariffe – ha dichiarato l’assessore regionale ai Trasporti Marco Falcone – sono inevitabili. Nel 2019 infatti abbiamo scongiurato un aumento del 7%. Oggi, a fronte di un miglioramento del servizio e lavori alla rete ferroviaria, il 10% in più credo sia sopportabile dall'utenza”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia