L'operatore ungherese passeggeri MÁV-Start lancia una gara per per la fornitura di 115 locomotive elettriche oltre a a pezzi di ricambio, attrezzature ausiliarie, manutenzione e formazione del personale.

L'ordine è suddiviso in due lotti. Il primo comprende 90 locomotive bitensione per il funzionamento a 25 kV 50 Hz ca e 15 kV a 16,7 Hz ca mentre il secondo comprende 25 locomotive tritensione per il funzionamento a 25 kV 50 Hz ca, 15 kV a 16,7 Hz ca e 3 kV cc, tutte con una velocità massima di almeno 200 km/h.

MÁV-Start afferma che la nuova flotta sarà utilizzata per potenziare i servizi passeggeri internazionali e a lunga distanza, il che richiede locomotive per operare sulle linee dove sono in grado di circolare mezzi da 160 km/h all'interno dell'Ungheria ma anche da 200 km/h negli stati vicini come Slovacchia, Slovenia, Austria e Germania.

La nuova flotta sostituirà le locomotive elettriche 431 ormai obsolete (Gruppo V43), che hanno una velocità massima di 120 km/h. Le nuove locomotive consentiranno a MÁV-Start di ridurre i tempi di percorrenza per i servizi nazionali e internazionali.

Le offerte devono pervenire entro e non oltre il 17 febbraio, con MÁV-Start che prevede di concludere il contratto entro la fine dell'anno. L'ordine sarà finanziato da un prestito. MÁV-Start prevede che le prime locomotive entrino in servizio all'inizio del 2022.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia