La buona notizia in Trentino Alto Adige del ripristino del collegamento diretto Bolzano-Milano fa il paio con quelle negative come la soppressione del Trento-Napoli e la prima partenza del Trento-Roma posticipata di un’ora.

Lo rende noto il Giornale Trentino, secondo il quale anche l’orario di partenza del diretto (Bolzano) - Trento-Milano (9.19) è stato criticato da più parti, soprattutto da chi è interessato alla tratta per motivi di lavoro.

La notizia è che Trenitalia è già intervenuta assicurando che dal prossimo giugno la partenza sarà anticipata

Tornando alla soppressione del diretto Trento-Napoli e dell’eliminazione del Frecciarossa per Roma all’alba, Roberto Andreatta, dirigente del Servizio trasporti della Provincia, spiega che la situazione è figlia della riorganizzazione degli orari: è stata varata dal gestore della rete per evitare un accumulo di ritardi che da circa un anno era cronico per chi viaggiava verso sud, anche a causa di una serie di lavori sulla tratta.

Andreatta precisa che i viaggiatori delle Frecce - 10 corse al giorno in Trentino tra arrivi e partenze su 60 complessive - rappresentano una quota minoritaria del trasporto giornaliero in provincia: sono 15mila, infatti, i pendolari che ogni giorno salgono sui treni, mentre sulle Frecce salgono 5mila persone.

Ergo - osserva il dirigente provinciale - la tutela dei pendolari, cioè di studenti e lavoratori che ogni giorno scelgono la ferrovia per raggiungere le rispettive sedi, deve essere prioritaria per l’ente pubblico. 

Il dirigente, in merito alla questione Trento-Roma, aggiunge che è comunque possibile arrivare nella capitale alle 10.30 del mattino prendendo il regionale delle 5.36 e la Freccia successivamente, con cambio a Verona.

L'articolo completo è disponibile cliccando qui.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia