Arriva il primo treno Pop di Trenitalia nelle Marche e sarà impiegato per i collegamenti fra Ancona e Pesaro, fra Ancona e Fabriano e sulla linea Ancona-San Benedetto del Tronto-Ascoli Piceno.

Parte la rivoluzione del trasporto regionale e metropolitano per i pendolari marchigiani che proseguirà nei prossimi anni grazie al nuovo Contratto di Servizio 2019-2033 fra Trenitalia e Regione Marche con 26 nuovi treni e oltre 300 milioni di investimenti.

Il nuovo contratto dal valore di 1,2 miliardi di euro è stato illustrato oggi ad Ancona da Luca Ceriscioli e Angelo Sciapichetti, Presidente e Assessore ai Trasporti della Regione Marche, e Orazio Iacono, Amministratore Delegato Trenitalia.

Presenti Sabrina De Filippis e Fausto Del Rosso, Direttore Passeggeri Regionale e Direttore Marche di Trenitalia, e Michele Viale, Amministrato Delegato di Alstom Ferroviaria.

I collegamenti regionali potranno beneficiare di migliori performance e comfort offerti dal treno Pop, a mono piano capace di trasportare fino a 530 persone, con oltre 300 posti a sedere, e una velocità massima di 160 km/h e un’accelerazione maggiore di 1 m/sec2.

Con il nuovo contratto Trenitalia investirà oltre 300 milioni di euro per migliorare l’offerta di servizi ai pendolari della Regione che porterà ad abbassare letà media della flotta da 15,2 anni del 2019 a 6,1 nel 2023. Circa 200 milioni riguarderanno l’acquisto di 26 nuovi treni made in Italy: 11 Rock, otto treni a media capacità, quattro Pop, un Jazz e uno Swing, eccellenze della flotta regionale di Trenitalia, insieme a un treno e locomotore diesel di ultima generazione.

Ulteriori 94,4 milioni di euro saranno investiti, con positive ricadute sull’economia regionale, per migliorare le attività industriali con investimenti sulla manutenzione ciclica dei treni (58,9 milioni); il rinnovamento e ampliamento degli impianti industriali sul territorio (17 milioni); in sviluppo di nuove tecnologie (11,3 milioni); revamping tecnologico e restyling della flotta già esistente per 7,3 milioni. È previsto, inoltre, un incremento della produzione: da 4,16 mln treni/km nel 2019 a 4,63 mln treni/km nel 2033.

La scelta della Regione Marche di affidare a Trenitalia il servizio regionale per 15 anni è frutto anche del miglioramento del servizio. Infatti, dal 2014 al 2019 il gradimento dei viaggiatori regionali è aumentato per tutti gli indicatori del viaggio, in particolare il 18% per la pulizia e 17,1% per la puntualità.

La soddisfazione complessiva del viaggio, inoltre, è aumentata di oltre 13,7 punti percentuali dal 2014 al 2019. Nello stesso periodo è stato registrato un significativo miglioramento della puntualità reale, infatti quella percepita dal viaggiatore è cresciuta dal 2014 al 2019 di 5,6 punti percentuali passando dall’88,9% al 94,5%, facendo registrare uno dei migliori risultati di tutta Italia.

Sempre nello stesso periodo le cancellazioni totali si sono ridotte di oltre il 65,5%. Grande attenzione anche all’intermodalità nell’ottica di favorire l’interscambio rapido treno+bus con il Politecnica Link e Fermo Link.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia