Il problema della sicurezza sui treni è sempre di grande attualità. Spesso le cronache registrato atti di violenza ai danni del personale di bordo e molestie ai viaggiatori su molti convogli regionali del nostro Paese.

Riportiamo oggi la testimonianza raccolta da diversi quotidiani locali, di un’insegnante che racconta la sua difficile esperienza di viaggio a bordo di un convoglio in transito tra Foligno e Ponte San Giovanni.

Racconta la donna alla redazione di umbriajournaltv: “Ho deciso di chiamarvi perché questo tizio fa la mia stessa tratta, Foligno- Perugia Ponte San Giovanni, e anche il giorno che l’ho filmato, di prima mattina era ubriaco. Mi ha spintonato passando e poi me lo sono ritrovato sul treno. Musica a tutta forza, ubriaco e pantaloni che, ad un certo punto, gli sono scesi giù”.

“Ad un certo punto – prosegue – mentre ero nella stessa carrozza che sembrava essere diventata una discoteca, ho chiamato il capotreno che lo ha spostato e nel video si vede appunto quando il giovane straniero viene fatto sistemare in un’altra carrozza”.

L’insegnante racconta poi che nelle settimane precedenti, un altro straniero sempre in treno e sempre “alticcio” a un certo punto si è tolto le scarpe: “Non immaginate che puzza!”, il laconico commento.

Anche in quell’occasione la signora si è rivolta ad un capotreno che, però, questa volta era una donna. La dipendente delle ferrovie ha deciso per non intervenire forse per il legittimo timore di una qualche reazione, considerato il numero di episodi sgradevoli a carico di capitreno sulla tratta Perugia Ponte San Giovanni-Foligno.

“Vorrei solo poter andare e tornare dal mio lavoro, senza dove incappare costantemente in questi soggetti” l’amara conclusione della viaggiatrice.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia