Nemmeno il tempo di dare la notizia della possibile soppressione che pare già essere tornato il sereno.

Del resto, va detto, mai come negli ultimi anni le situazioni in ferrovia cambiano velocemente, anche per gli umori dei viaggiatori che sempre più facilmente influenzano la politica, soprattutto quella locale.

Così, dopo che dalle parole della Giunta Tesei era lecito ipotizzare la fine del servizio Frecciarossa Perugia - Milano per mancanza di risorse con relativo diluvio di critiche e commenti, ora arriva un dietrofront.

Non solo la corsa mattutina dell'Alta Velocità sarebbe confermata, il tutto nonostante la mancanza di risorse per il trasporto pubblico che è e resta preoccupante, ma si starebbe lavorando per un servizio giornaliero che di mattina dovrà portare i passeggeri da Milano a Perugia, quindi intercettando anche i turisti dalla Lombardia e Piemonte.

La smentita ufficiale arriva dallo stesso assessore regionale alle Infrastrutture e ai trasporti Enrico Melasecche che aveva detto solo qualche giorno fa che i soldi erano pochi e si doveva ragionare bene su come usarli: "In merito al Frecciarossa che collega Perugia con Milano e Torino va precisato che il servizio è stato confermato" e ancora si legge nella nota della Presidente Tesei "si stanno studiando soluzioni che possano offrire un servizio il più funzionale possibile alle esigenze dell’utenza". "Appare evidente che, oltre al Frecciarossa per Milano e Torino, vi è la necessità di una serie di connessioni veloci e dirette verso mete e snodi ferroviari cruciali come Roma e Firenze". 

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia