"Il bonus pendolari è un incentivo concreto per migliorare la qualità nel trasporto ferroviario locale, ed è un segnale positivo che va incontro alle esigenze degli utenti.

Treni puntuali ed affidabili sono in grado di spingere un numero sempre maggiore di persone a scegliere la ferrovia per i loro spostamenti di lavoro".

Lo afferma l'assessore alla mobilità, Daniel Alfreider annunciando che il bonus pendolari, che in alcuni casi può raggiungere i 50 euro, sarà accreditato a partire da febbraio. I beneficiari saranno informati direttamente via e-mail o SMS nei prossimi giorni. Il mese in cui si sono registrati i maggiori ritardi nel 2018 è stato novembre, con 3299 casi.

Secondo i criteri in vigore hanno diritto al bonus pendolari per un importo massimo di 50 euro all'anno i passeggeri che viaggiano regolarmente con le imprese ferroviarie locali Trenitalia e SAD, e che hanno effettuato almeno 30 obliterazioni ferroviarie mensili con AltoAdige Pass, EuregioFamilyPass.

Mentre nel 2016 e 2017 i versamenti del bonus venivano effettuati sulla base di valutazioni, per quanto riguarda il 2018 sono disponibili i dati dettagliati dei pagamenti effettuati.

Agli utilizzatori dell’AltoAdige Pass e dell’EuregioFamilyPass il bonus viene accreditato automaticamente sul conto dell'utente. Il pagamento dei bonus viene finanziato con una parte delle penali mensili per ritardi e soppressioni in ambito ferroviario, come previsto dai contratti di servizio della Provincia di Bolzano con Trenitalia e SAD. Per ritardo si intende quando l'orario di arrivo del treno indicato nell'orario viene superato di 5 minuti. Le penali vengono in seguito applicate se la percentuale di ritardi mensili supera per più di un punto percentuale una determinata quota stabilita per singola linea ferroviaria.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia