Situazione insolita quella che si sarebbe verificata giovedì in Lombardia.

I pendolari che nel pomeriggio erano a bordo del Regionale 10475 per Cremona, partito da Milano Porta Garibaldi alle 16.32, un’esperienza simile non l’avevano mai vissuta.

Ne dà conto La Provincia di Crema secondo il quale alla stazione di Caravaggio è stato lasciato a piedi il capotreno. Con ogni probabilità un errore umano, da parte del macchinista o del collega, sta di fatto che il convoglio, in ritardo di qualche minuto, è ripartito verso la sua destinazione senza che a bordo ci fosse il ferroviere.

La corsa ha proseguito regolarmente sino a Capralba: effettuata anche questa fermata, alla successiva il treno è stato bloccato e cancellato.

"L’hanno dirottato sul secondo binario – ha detto Jacopo Bassi, consigliere comunale di Crema del Pd che era tra i viaggiatori a bordo – e ci è stato detto di scendere. Abbiamo raggiunto a piedi il primo binario, dove siamo rimasti in attesa del Regionale successivo, partito da Treviglio. Su questo abbiamo ritrovato il capotreno del diretto che evidentemente era stato recuperato dai colleghi a Caravaggio.
Ovviamente si è trattato di un treno con meno carrozze, quindi molti di noi sono rimasti in piedi. Per fortuna la stazione di Crema è appena dopo quella di Casaletto, dunque il viaggio pigiati è durato pochi minuti".

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia