I lavori sulla linea ferroviaria Bologna-Portomaggiore, interrotta dal 17 novembre nella tratta di 4,5 chilometri tra Budrio e Mezzolara a causa dell’esondazione dell'Idice, andranno avanti fino all'inizio del 2020.

A comunicarlo è la Regione che conferma gli interventi di ripristino della massicciata pesantemente danneggiata dall'acqua e delle linee elettriche per consentire la ripresa della normale circolazione dei convogli, prevista per i primi giorni del nuovo anno.

Oggi, al fine di verificare la situazione, il vicepresidente e assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Raffaele Donini ha effettuato un sopralluogo sul posto: “In pochi giorni - sottolinea Donini - siamo riusciti a trovare le risorse necessarie per effettuare con la massima urgenza l’intervento, gestito da FER. Si tratta di una somma di cinque milioni di euro dal bilancio della Regione per gli investimenti per la manutenzione straordinaria, di cui 1,5 milioni per il ripristino in tempi rapidi della massicciata e della linea elettrica e i restanti 3,5 milioni per il completo risanamento della linea ferroviaria”.

Con questo intervento ha proseguito Donini, “prendiamo l’impegno di completare la prima parte dei lavori e quindi far ripartire la circolazione ferroviaria tra Budrio e Mezzolara, entro i primi giorni del nuovo anno, subito dopo le vacanze di Natale. Un impegno finanziario importante per la Regione, ma necessario per garantire un servizio fondamentale per studenti e lavoratori”.

Nell'attesa del completamento dei lavori è stato attivato un servizio di autobus sostitutivi in entrambi i sensi di circolazione nel tratto Portomaggiore-Mezzolara, mentre tra Budrio e Bologna i treni funzionano regolarmente.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia