È bufera in Regione Lombardia.

La vicenda prende il via da un articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano, che riporta alcune registrazioni di una riunione svoltasi nella sede della regione, in cui tre consiglieri della Lega parlano della loro intenzione di utilizzare l’arrivo dei nuovi treni Caravaggio promessi dalla Regione per farsi campagna elettorale in vista delle elezioni.

Un dialogo, quello rivelato da Il Fatto Quotidiano in cui emerge la volontà che i treni nuovi arrivino “prima delle elezioni regionali” e di metterli “sulla linea più frequentata”.

La vicenda è ovviamente diventata subito politica. Il Movimento 5 Stelle, definisce “gravissimo” quanto pubblicato su Il Fatto. “La Lega mostra solo una lezione di disonestà politica, uno schiaffo e un insulto ai lombardi” commenta sulla sua pagina Facebook il consigliere regionale Marco Degli Angeli. “Una società privata che risponde alla Lega, non dà più garanzie che lavori per tutta la comunità. Spartirsi i treni con quei toni arroganti è come sputare sui pendolari sfigati e sui loro disagi”.

“Per la Lega di Salvini i treni sono solo uno spot elettorale, i treni vanno messi dove c’è riscontro tangibile per fare poi i fuochi d’artificio nel post elezioni” prosegue il consigliere.

“Al di là di ogni logica, del buonsenso e del corretto uso dei soldi pubblici, il centro-destra sacrifica i pendolari, i viaggiatori e smantella il trasporto pubblico solo per garantirsi un po’ di propaganda a spese dei lombardi. I treni nuovi li hanno pagati gli italiani e devono essere messi sulle linee al collasso e non in vetrina.
Per i primi 15 treni che arriveranno dobbiamo ringraziare l’Ex Ministro Toninelli e il M5S, non sono quelli ordinati dalla Lega, ma la Regione è subentrata a un contratto di Trenitalia. Questa Giunta e questa Maggioranza non meritano di stare alla guida della Lombardia un minuto di più”.

“FNM e il suo presidente Andrea Gibelli non sono a libro paga di Salvini , ma dei cittadini” continua Degli Angeli. “Deve dimettersi: quel ruolo deve essere ricoperto da una persona con la schiena dritta. Invitiamo l’assessore Claudia Terzi a un passo indietro, il suo assessorato ai Trasporti è ormai un Ministero di Propaganda e nel ruolo non ha più nessuna credibilità.
Il Presidente Fontana venga a riferire in aula cosa intende fare del trasporto su treno: la Lombardia ha bisogno di una maggioranza che amministri nell’interesse dei cittadini, non di un ufficio di marketing e comunicazione a spese dei lombardi”.

Critica anche la posizione del PD, come si può capire dalle parole del consigliere regionale Matteo Piloni: “Pazzesco! Ecco perché non mettono i treni nuovi sulle nostre linee” commenta.
“Per la Lega la nostra provincia non è conveniente dal punto di vista elettorale. E intanto i treni prendono fuoco, si bloccano in mezzo alle campagne, vengono soppressi. Cosa ne pensano i sindaci, i consiglieri regionali e i parlamentari leghisti cremonesi? Sono d’accordo con Anelli e Grimoldi? Prima il potere, è questa la loro priorità”.

L'articolo completo è disponibile cliccando qui

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia