Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop”! la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana. 

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Ferrovie della Repubblica Ceca

O, per dirla come la dicono loro, České dráhy, che puntano decisamente verso una sorta di AV e verso il trasporto internazionale. L'operatore ferroviario nazionale ha aperto una gara d'appalto per venti convogli da nove elementi da inserire nelle relazioni EC/IC Amburgo - Berlino - Praga - Bratislava - Budapest.

La gara prevede la produzione e la fornitura di un totale di 182 carrozze passeggeri con una velocità di almeno 230 km/h che consenta l'accoppiamento a combinazione rigida senza trazione e con tenuta a pressione (tipo RailJet). Sono richieste le omologazioni per circolare in Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Germania (comprese le linee ad alta velocità), Austria e Polonia.

Una scelta di buon senso: la Repubblica Ceca non è particolarmente estesa, per cui una nuova linea AV da 300 e oltre km/h non ha molto senso, come invece accade in Italia, Germania o Francia.

Quindi, tanto vale fare il meglio che si può con quello che si ha a disposizione: 230 km/h è un'ottima velocità di crociera per tratte medie-corte, oltretutto con tutto il risparmio del non dover costruire una nuova linea dedicata. Bene, bravi!

FLOP - RheinJet

Gli affari e il business non sono barzellette: proporsi nel 2020 con un'offerta commerciale ferroviaria senza basi solide e ponderate, equivale a fare una figuraccia. E a perdere un sacco di soldi

La società Rheinjet di Meerbusch vicino a Dusseldorf ha infatti rinunciato ad entrare sul mercato, come confermato lunedì dal CEO Martin Michael.

La compagnia ha rinunciato al progetto, "a causa delle continue misure di dumping di Deutsche Bahn", come ha detto Michael all'agenzia di stampa tedesca. 

La compagnia accusa DB di aver drasticamente ridotto le tariffe in particolare sulla rotta Francoforte-Monaco e a causa di questo fatto un investimento su questa rotta sarebbe economicamente insostenibile.

DB a sua volta ha respinto le accuse. "I collegamenti di Rheinjet non influiscono sui nostri prezzi", ha detto un portavoce.

Dumping o no, mettersi commercialmente contro DB lo si può fare solo con basi davvero solide e idee chiare, vedi Flixtrain che passo passo sta avanzando sul mercato.

Da RheinJet che è un colosso dei viaggi aerei charter, ci si aspettava qualcosa di più, e invece picche. Quanto meno, i viaggiatori che già hanno prenotato, potranno riavere indietro i soldi. Comunque, anche per il fatto di aver dato forfait a due settimane dal lancio dei servizi, per noi è flop!

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia