Secondo quanto segnalato dall'allora Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco, nel luglio 2018 RFI doveva presentare il progetto per la messa in sicurezza della Galleria Ghersi.

L’intervento avrebbe consentito la riapertura della linea Alba-Asti, come previsto dal protocollo siglato con i comuni interessati a ottobre del 2017. Il progetto prevedeva la messa in sicurezza delle cinque gallerie del tratto Castagnole LanzeAlba, tra cui la Galleria Ghersi, ed era comprensivo del consolidamento e ripristino nei tratti tra le gallerie dove si sono verificate nuove frane.

Il successore di Balocco, l’Assessore Marco Gabusi, in questi giorni ha dichiarato: “I dati che ho in mano sono quelli accessibili a tutti dell’Agenzia per la mobilità piemontese, uno studio richiesto due anni fa dai nostri predecessori. I costi di esercizio annuali della linea sono stimati in 3,8 milioni di euro, oltre ai 60 di interventi infrastrutturali per la messa in sicurezza e l’elettrificazione.

Diamoci qualche mese di tempo per approfondire i dati. La Regione – ha proseguito Gabusi – è in difficoltà a coprire 15 milioni di euro del contratto con RFI per le linee attive, su un totale di 125 milioni. Anche se riuscissimo a far rientrare nell'accordo di programma i 60 milioni, visto che delle 12 linee sospese in Piemonte questa era tra quelle con più utenza, non è realistico pensare di poter sostenere il costo di gestione”.

Sulla questione interviene anche il sindaco di Alba Carlo Bo, che afferma: “La ferrovia Alba-Asti? Dopo nove anni dobbiamo mettere un punto fermo. Come sindaco sono a favore del ripristino della linea, fondamentale collegamento verso importanti direttrici come Milano. Ora serve una risposta certa in tempi brevi. Se non può essere fatto a causa dei costi esosi deve essere detto in modo chiaro per poi capire come intervenire”.

A favore della riapertura della linea deporrebbe anche il fatto che RFI era già pronta a inserire il ripristino nell'accordo di programma. L’azienda, inoltre, ha già speso speso 1 milione di euro per la progettazione e ha riattivato la tratta Asti-Neive con treni storici.

Da Alba insistono dicendo che: “Se c’è volontà politica le risorse si possono trovare, chiedendo al Ministero ai trasporti o valutando delle gare per la gestione delle linee. Senza elettrificazione la spesa scenderebbe di 24 milioni. Trasformare la ferrovia in altro è impensabile e non avrebbe costi minori”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia