Ieri mattina, durante una nuova udienza del processo per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016, è stato proiettato nell'aula bunker del carcere di Trani, il video della strage di 8 minuti e 28 secondi.

Il video è stato realizzato con le immagini filmate da terra e da un elicottero della polizia scientifica. Durante la proiezione delle immagini il silenzio dell’aula bunker è stato rotto dal pianto sommesso dei parenti delle vittime, che ormai da più di tre anni chiedono giustizia.

A conclusione dell’udienza, il Tribunale collegiale di Trani ha disposto la trascrizione delle telefonate intercorse tra il dirigente centrale (dcc) di Bari e le stazioni di Andria e Corato della linea Ferrotramviaria, nelle ore a ridosso dell’incidente ferroviario del 12 luglio 2016, che ricordiamo è costato la vita a 23 persone e il ferimento di altre 51.

Una volta trascritte, le telefonate saranno ascoltate in aula alla presenza degli ispettori che le hanno acquisite nei giorni successivi all'incidente e già esaminate. L’incarico al perito per la trascrizione sarà conferito in occasione della prossima udienza del 9 ottobre, quando saranno citati anche altri 9 testi dell’accusa. Si tratta di altri agenti della polizia scientifica e di personale di terra delle stazioni di Andria e Corato.

Nel processo, iniziato l’11 aprile scorso davanti al Tribunale di Trani, sono imputate 17 persone: si tratta di dipendenti, dirigenti e vertici di Ferrotramviaria, di un dirigente del Ministero dei Trasporti e di due direttori dell'Ustif di Puglia, Basilicata e Calabria. Gli imputati rispondono a vario titolo dei reati di disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso.

Imputata anche la società Ferrotramviaria, che risponde in qualità di persona giuridica per la responsabilità amministrativa nei reati contestati, a vario titolo, ai suoi dipendenti.

Sono costituite come parti civili (solo nei confronti delle persone fisiche) la Regione Puglia, i Comuni di Corato, Andria e Ruvo di Puglia, le associazioni Acu, Ubf, Codacons, Confconsumatori, Anmil e Gepa, oltre ai parenti delle vittime e ai passeggeri sopravvissuti. Ferrotramviaria, Ministero dei Trasporti e Regione Puglia sono stati citati in qualità di responsabili civili.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia