Nei giorni scorsi sono nate alcune ipotesi su possibili percorrenze dei convogli di FlixTrain, se mai li vedremo solcare i nostri binari.

Ci siamo allora presi il divertimento di fare della fanta-ferrovia ipotizzando qualche collegamento che potrebbe forse essere utile alla luce di quelli già in essere. A nostro modo di vedere, puntare su tratte già ampiamente battute potrebbe portare a scontrarsi contro iceberg piuttosto grossi, per cui in questa analisi semiseria proviamo a pensare fuori dagli schemi.

Qualcosa che potrebbe trovare un riscontro, anche alla luce delle recenti novità introdotte da Trenitalia, potrebbero essere dei collegamenti tra Torino e la costa Adriatica fino a Lecce, andando a servire tante realtà soprattutto dell'Emilia Romagna che rischiano di rimanere tagliate fuori da link diretti.

Lunghe percorrenze, è vero, ma sostanzialmente unendo il nord ed il sud del paese e garantendo mobilità senza trasbordi anche a importanti città nonché a popolate zone di villeggiatura.

Se da un lato ci pare buona l'idea del collegamento Roma - Reggio Calabria, si potrebbe pensare di insistere sui collegamenti anche via Jonica elettrificata (Catanzaro), diventando finalmente la realtà (o almeno una delle realtà se anche Trenitalia tornerà a farvi servizio) a operare servizi diretti lungo questa dorsale.

L'idea del collegamento Roma - Venezia non ci dispiace, ma di concorrenza ce ne sarebbe già molta sulla rotta "tradizionale". Forse e diciamo forse, potrebbe avere un senso sviluppandola via Orte, Terni, Ancona, Ravenna e Ferrara, permettendo quindi a città diverse di essere più collegate tra loro come oggi non sono.

Discorso analogo potrebbe riguardare un Roma - Lecce via Pescara, anche per aumentare i convogli sulla tratta appenninica dove sono spariti gli Intercity ormai da parecchi anni.

Anche in questi casi si potrebbe avere da ridire sulle lunghe percorrenze, ma se abbiamo capito il target aziendale, quella di FlixTrain potrebbe essere una scelta dettata più dal voler raccogliere viaggiatori che dall'arrivare prima, se vogliamo un po' sulla falsariga di quanto avviene con i suoi autobus che spesso prendono la via meno diretta per congiungere due città.

Meno probabile ci pare l'ipotesi avanzata da qualche nostro lettore di collegamenti Roma - Sicilia. C'è infatti il grosso scoglio del traghettamento, che per un operatore privato potrebbe essere difficile da superare almeno in una fase iniziale.

Del tutto relegata alla fantascienza, invece, quelle che riguardano collegamenti su linee non elettrificate. Sarebbe bello ipotizzare dei Pescara - Napoli via Castel di Sangro, magari con i due capolinea situati ancora più alle estremità, ma ci sembra davvero una ipotesi remota, così come quella di includere altre realtà sempre su tratte Diesel come Siena, tanto per citarne una.

È ovvio che, come detto all'inizio, stiamo facendo fanta-ferrovia sotto l'ombrellone, anche alla luce del fatto che per ora l'interessamento di FlixTrain per l'Italia è ancora alle fasi iniziali.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia