I nuovi Rock manifestano quelli che sono ovvi problemi di gioventù.

Problemi che, alle volte, vengono enfatizzati troppo anche dagli stessi pendolari, che sicuramente subiscono un disservizio, ma che alle volte sembrano dare l'impressione di non essere mai contenti.

Finora ci si lamentava per i treni vecchi, ora che ci sono quelli nuovi al primo problema che manifestano si grida allo scandalo.

Il riferimento è a quanto accaduto qualche giorno fa, con un Rock che avrebbe avuto un problema rimanendo fermo per diversi minuti con le porte chiuse.

Sia chiaro, situazione non gradevole, ma che fa parte del "gioco", soprattutto quando si ha a che fare con un convoglio del tutto nuovo, mai costruito prima, che ha inevitabilmente bisogno di "rodaggio".

Del resto non sono nemmeno concrete le esternazioni dei pendolari che parlano di treni non testati e personale non formato. Chi segue le nostre pagine ha potuto vedere con i propri occhi tutti i test fatti sui nuovi treni, sia sul Rock che sul Pop, da Velim a Bologna, passando per Orte e la linea Adriatica.

Mesi di test intensissimi che tuttavia non escludono, come è ovvio che sia, qualche inevitabile problema di gioventù.

E allora cerchiamo di avere pazienza. Lo sforzo fatto da Trenitalia è enorme e mai importante come in questo caso. Gettare benzina sul fuoco alle prime problematiche non è di utilità per alcuno.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia