È con una lettera aperta che l”associazione “Ferrovia Internazionale Torino Svizzera” chiede di valutare la riapertura della Arona-Santhià.

“Il 26 giugno scorso, alla stazione di Cureggio, sono ritornati i treni cantiere destinati ai lavori (saranno effettuati su un tratto della ferrovia Domodossola-Borgomanero) – spiegano dall’associazione -.

L’utilità della ferrovia Santhià-Arona, grazie alle sue numerose interconnessioni e condizioni dell’armamento, è quindi confermata dal transito di questi convogli (seppur con marcia a vista).

Del resto i testimoni oculari delle potenzialità della linea sono gli stessi cittadini, i quali, in occasione delle recenti camminate Borgomanero e Comignago), hanno avuto modo di riscontrare le buone condizioni dell’infrastruttura”.

“L’Associazione ribadisce che i costi di ripristino funzionale della stessa sono relativamente contenuti, in particolare per quanto concerne la tratta Arona-Romagnano/Gattinara.

Secondo il nostro parere, occorrerebbe fare leva su RFI per ribadire questo concetto, senza abbandonare ovviamente le iniziative e le pressioni per il ripristino completo della linea.

In ogni caso è importante che Associazioni e Amministrazioni facciano pressione su RFI e Regione perché colgano le potenzialità della tratta, inizialmente attraverso una serie di contatti con il nuovo Assessore regionale, in sinergia con Afits e con il Comitato dei Sindaci”

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia