Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop”! la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana. 

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Lombardia

Se il servizio non migliora, i biglietti non aumentano. 

Un ragionamento che non fa una grinza da quanto è banale, ma spesso in Italia non funziona così. Stavolta però, in Lombardia c'ha pensato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi a fugare ogni dubbio. 

"Abbiamo bloccato l'aumento l’anno scorso e lo facciamo anche questo anno perché crediamo che, finché non si riesce a garantire un servizio dignitoso e degno, neanche un aumento dello zero virgola possa essere accettato”.

Il servizio ferroviario in Lombardia è particolarmente complesso, anche per via dell'altissimo numero di relazioni da soddisfare ogni giorno su un territorio particolarmente vasto e densamente abitato.

Questa presa di posizione però ci è piaciuta, e speriamo non sia l'ultima nel panorama ferroviario-pendolare italiano: se il servizio non migliora, non è giusto pagare di più.

FLOP - Linea del Frejus

Siamo alle solite: la principale via di collegamento su rotaia tra Italia e Francia (due tra i principali paesi industrializzati in Europa e nel mondo) è vecchia. C'è poco da girarci intorno. 

Una maxi-frana ha coinvolto un tratto francese della ferrovia e -di fatto- ha bloccato e bloccherà ancora per giorni il traffico tra i due paesi.

Un evento delle violente tempeste che hanno colpito la Francia orientale ad inizio settimana scorsa. La linea TGV tra Francia e Italia attraverso Modane sarà inutilizzabile per "diverse settimane", ha annunciato martedì 2 luglio SNCF.

Su questa linea viaggiano ogni giorno il TGV tra Parigi e Milano, i Thellò, il TER regionale e molti convogli merci tra Francia e Italia.

Come se non bastasse, questo è l'ennesimo segno che l'infrastruttura su ferro tra i due paesi è un'esigenza e che la TAV Torino - Lione non è un capriccio per ricchi che hanno necessità di andare velocemente tra un paese e l'altro ma qualcosa di ben più importante anche per quanto riguarda la sicurezza di tutti, passeggeri e merci.

Ma cosa dovrà succedere ancora per capirlo? Flop. Alle frane, alla situazione bloccata della TAV e ad una linea del 1800 che ancora collega due nazioni come Francia e Italia. 

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia