• Il Portale FERROVIE.INFO




Flag Counter

Malpensa Express ed Embraer 175

Utilizza questo forum per parlare dei tuoi viaggi in treno (e non) attraverso l'Italia e il Mondo, dei posti che consigli e di quelli di cui avresti fatto volentieri a meno.
 

Malpensa Express ed Embraer 175

Messaggioda Fabrizio Borca » domenica 14 aprile 2019, 12:59

Introduzione


Il giorno 30 Marzo 2019 organizzo un viaggio tra Torino, Roma e l'aeroporto intercontinentale di Milano Malpensa, con lo scopo di provare l'aereo Embraer E 175 ed il servizio ferroviario "Malpensa Express".

L'itinerario prevede la partenza da Torino, l'arrivo alla stazione di Roma Termini ed il trasferimento verso l'aeroporto di Roma Fiumicino, dove prenderò un aereo per Milano Malpensa. Giunto a Milano Malpensa rientrerò a Torino utilizzando il servizio ferroviario "Malpensa Express" ed un treno Frecciarossa.


Itinerario del viaggio (1335 km)
Immagine


Prima parte: da Torino a Roma


Uno degli scopi di questo viaggio è quello di provare in volo l'aereo Embraer E 175, un velivolo per trasporto regionale in servizio con Alitalia Cityliner sulla rotta Roma Fiumicino-Milano Malpensa. Devo quindi recarmi da Torino all'aeroporto di Roma Fiumicino per prendere questo aereo.
Per raggiungere l'aeroporto intercontinentale di Roma Fiumicino utilizzo un treno Frecciarossa fino alla stazione di Roma Termini, quindi il servizio "Leonardo Express" che collega la stazione Termini allo scalo aeroportuale.

Parto da Torino Porta Nuova con il treno Frecciarossa 9609, previsto in partenza alle ore 5:50. Il treno è una doppia composizione di ETR 400, ovvero due treni ETR 400 "Frecciarossa 1000" uniti fra loro. Essendo i due treni non comunicanti, occorre fare attenzione, al momento della salita, ad individuare il corretto. Sul mio biglietto è inidicato, oltre al numero del posto e della carrozza, anche il treno su cui devo salire, che è il treno A. Il treno A si trova in testa al convoglio e lungo le banchine i monitor segnalano esattamente la posizione delle carrozze, quindi salgo a bordo del treno A nella carrozza 2, dove ho assegnato il posto 8D.

Oggi è il penultimo giorno nel quale questo treno viaggia con una doppia composizione di ETR 400, dal primo Aprile 2019, questo treno, sarà effettuato con un treno ETR 500. La doppia composizione di ETR 400 garantisce una disponibilità di 914 posti a sedere ed è utilizzata sui treni a grande affluenza. Dal prossimo Aprile l'impresa ferroviaria ha però deciso di limitare la disponibilità di posti per ciascun treno, a favore di un aumento delle frequenze e delle destinazioni. Su questa relazione sarà in servizio un treno ETR 500, che garantisce una disponibilità 574 posti. I due treni ETR 400 saranno invece utilizzati ad orari diversi, per andare ad aumentare le frequenze o per raggiungere differenti città.

Doppia composizione di ETR 400. Treni 14 e 35.
Immagine
Immagine


Salgo a bordo del treno, che si presenta in ordine e pulito. Il treno parte in orario alle 5:50, quindi usciamo dalla città e ci dirigiamo verso Milano. Il treno è silenzioso e confortevole, i sedili comodi e lo spazio attorno agli stessi ampio. A bordo è disponibile la connessione wifi, prese elettriche ai posti, monitor informativi, servizio di ristorazione ed accoglienza con distribuzione di quotidiani, snack dolci e salati, bevande e caffè espresso, che viene distribuito più volte lungo il viaggio. Nonostante la doppia composizione, che rende il treno lungo oltre 404 metri per un peso di 908 tonnellate, il mezzo è agile ed accelera rapidamente in fase di avvio. Queste buone doti di accelerazione sono utilizzate anche durante le partenza dalle stazioni al di fuori della rete ad alta velocità, quando la composizione non può sfruttare tutti i 19 MW di potenza disponibile, che possono essere utilizzati appieno solo una volta entrati sulla linea ad alta velocità, quando i convogli sono alimentati a 25 kV in corrente alternata.

Percorriamo l'intera tratta tra Torino e Milano a velocità sempre prossima ai 300 km/h, quindi giungiamo a Milano Centrale alle 6:50, dove salgono a bordo molti passeggeri che occupano la quasi totalità dei posti a sedere. Ripartiamo verso Milano Rogoredo, poi raggiungiamo direttamente Roma, non essendo previste fermate intermedie tra Milano e Roma. La lunga tratta senza fermate dura circa 2 ore e mezza, nelle quali attraversiamo le regioni Emilia Romagna e Toscana, passando senza fermata a Bologna e Firenze.

Il nodo di Firenze viene attraversato a bassa velocità, dandomi la possibilità di notare due nuovi treni destinati al servizio di trasporto regionale, che sono fermi presso l'impianto di Firenze Castello. Si tratta dei nuovi treni ETR 104 "Pop" di Alstom e l'elettrotreno a due piani ETR 521 "Rock" di Hitachi Rail Italy. I due treni stanno eseguendo prove in vista della loro immissione in servizio, che dovrebbe avvenire nei prossimi mesi. I treni entreranno in servizio nella flotta regionale di Trenitalia in molte regioni italiane, andando a sostituite i treni più vecchi ancora in circolazione.


Oltrepassato il nodo di Firenze imbocchiamo la linea "Direttissima" per Roma, dove iniziano anche alcuni rallentamenti dovuti a lavori di potenziamento infrastrutturale, che ci faranno accumulare 10 minuti di ritardo in arrivo a Roma.

Con il grande aumento delle frequenze dei treni ad alta velocità si è ottenuta una grande disponibilità di posti ed offerta, ma la rete tende quasi alla saturazione soprattutto sulle tratte afferenti alle grandi città e nei nodi urbani. Per queste situazioni si stanno predisponendo lavori di potenziamento infrastrutturale, che interessano sia la rete ferroviaria che gli impianti di segnalamento e trazione. Nel nodo di Bologna si è realizzata una nuova stazione per i treni ad alta velocità, mentre nel nodo di Firenze sono in corso i lavori per la realizzazione del passante ferroviario. Non è però sempre possibile, per ragioni di spazio, costruire nuove infrastrutture, quindi si agisce anche con interventi di potenziamento degli impianti di segnalamento. E' prevista la applicazione del sistema di segnalamento ETRMS High Density per i nodi urbani, sistema di segnalamento che consentirà di aumentare la potenzialità della infrastruttura, mentre è prevista l'installazione del sistema di gestione e segnalamento di tipo ERTMS lungo l'intera tratta tra Roma e Firenze. La tratta tra Firenze e Roma è quella più soggetta al problema della saturazione, anche per via del fatto che opera con sistemi di segnalamento e gestione del traffico più vecchi, meno prestanti rispetto ai nuovi sistemi installati sulle linee ad alta velocità di recente costruzione e che sono previsti su questa linea.

L'installazione dei nuovi sistemi di gestione del traffico dovrebbe permettere di aumentare la potenzialità della rete ferroviaria, consentendo così di ridurre i ritardi che sempre più spesso si vanno ad accumulare e cui sono sempre più soggetti i treni ad alta velocità. Rimangono comunque degli interrogativi sulla situazione dei nodi urbani, dove la sola implementazione dei nuovi sistemi di controllo e gestione potrebbe non essere sufficiente a garantire adeguati margini di disponibilità.

Percorriamo la tratta tra Firenze e Roma a velocità comprese tra i 200 ed i 250 km/h, quindi giungiamo a Roma Tiburtina e poi a Roma Termini alle 10:08, con 10 minuti di ritardo.

La tratta tra Torino e Roma ha richiesto 4 ore e 20 minutiper una percorrenza di 706 km/, con fermate a Torino Porta Susa, Milano Centrale, Milano Rogoredo e Roma Tiburtina. Ho acquistato il biglietto per il livello di servizio Business al prezzo di 53 euro usufruendo di una riduzione del 30% per acquisto anticipato.

Interni treno Frecciarossa (ETR 400)- livello di servizio Business
Immagine
Paesaggio nei pressi di Civita Castellana (VT). In primo piano la linea lenta Firenze-Roma, con la quale la Direttissima è interconnessa in più punti.
Immagine
Itinerario tra Torino e Roma a bordo del treno Frecciarossa Torino-Napoli.
Immagine


La stazione di Roma Termini è decisamente molto affollata e ci si muove a fatica fra le molte persone presenti. Dalla stazione devo raggiungere l'aeroporto di Fiumicino e per farlo uso il servizio ferroviario "Leonardo Express", un collegamento che permette di raggiungere l'aeroporto in circa 30 minuti con treni dedicati.

Utilizzo il treno delle 10:35, previsto in partenza dal binario 24. Il treno, anch'esso molto affollato, è un ETR 425 attrezzato appositamente per il servizio aeroportuale, su cui sono disponibili spazi per i bagagli di grosse dimensioni. Partiamo in orario alle 10:35, quindi ci muoviamo verso Roma Ostiense e Roma Tuscolana, poi imbocchiamo la linea per Fiumincino, attraversiamo tutta le periferia della città e giungiamo in orario alla stazione di Fiumicino aeroporto alle 10:07. La stazione ferroviaria si trova all'interno dell'aeroporto stesso, raggiungo così il terminal 1 attraverso percorsi coperti forniti di tapis-roulant, quindi sono pronto per i controlli di sicurezza e l'imbarco a bordo dell'aereo.

Per uscire dalla stazione ferroviaria è necessario essere in possesso di un titolo di viaggio valido, diversamente occorre pagare un biglietto per l'uscita dalla stessa, acquistabile a prezzo maggiorato rispetto al biglietto di corsa semplice, che ho acquistato online al prezzo di 14 euro.

Itinerario del treno Leonardo Express tra Roma Termini e Fiumicino Aeroporto.
Immagine


Continua.....

Avatar utente
Fabrizio Borca
Gestore
Gestore
 
Messaggi: 2276
Iscritto il: venerdì 12 febbraio 2010, 16:12
Località: Piossasco (TO)
Interesse per i treni reali: Si
Interesse per i treni in modello: Si

Malpensa Express ed Embraer 175

Sponsor

Sponsor
 

Torna a In treno (e non) attraverso l'Italia e il Mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite