Si è svolta qualche giorno fa a Londra la première del nuovo film di Kenneth Branagh, Assassinio sull’Orient Express, che arriverà in Italia il prossimo 7 dicembre.

Il film è il riadattamento cinematografico di uno dei più noti romanzi gialli scritti dalla regina indiscussa del genere, la grande Agatha Christie nel 1934.
Protagonista il celebre investigatore belga Hercule Poirot che deve indagare sull’omicidio di un distinto gentiluomo americano, pugnalato nel suo scompartimento. Riuniti nel lussuoso vagone ristorante, gli illustri passeggeri a bordo del convoglio, apprendono dell’omicidio e tra loro si fa subito largo il sospetto che l’assassino, bloccato dalla neve, non abbia mai lasciato il treno e si nasconda ancora tra i viaggiatori dell’Orient Express.
Per il film, Branagh ha radunato un cast d’eccezione che comprende Michelle Pfeiffer, Johnny Depp, Daisy Ridley, Josh Gad, Judi Dench, Penélope Cruz e Michael Peña, ritagliando per sé il ruolo di Hercule Poirot.
Il film si preannuncia sicuramente interessante, sia per la trama che per il cast, ma per gli amanti dei treni è soprattutto una buona occasione di vedere di nuovo viaggiare il celebre convoglio Orient Express.
Messo in servizio dalla Compagnie Internationale des Wagons-Lits, l’Orient Express è stato un treno passeggeri a lunga distanza che collegava Parigi Gare de l’Est a Costantinopoli. Il servizio, iniziato nel 1883, si interruppe per le guerre mondiali fra il 1914 e il 1921 e fra il 1939 e il 1945, per cessare definitivamente nel 1977 a causa della concorrenza dei trasporti aerei. L’Orient Express rimase un servizio quotidiano Parigi-Vienna fino alla riduzione del tragitto nel 2007 e alla definitiva cancellazione il 14 dicembre 2009.

Il percorso originale, usato per la prima volta il 4 ottobre nel 1883, era dalla Francia alla Romania passando per Vienna. Lo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914 provocò la sospensione del servizio che riprese al termine delle ostilità nel 1918. Nel 1919, in seguito all’apertura del tunnel del Sempione, si poté aprire una nuova via più meridionale al servizio via Losanna, Milano, Venezia e Trieste, che divenne noto come Simplon Orient Express, alternativo e presto più usato del precedente.
In occasione della première del film, il convoglio è stato appositamente trasferito da Parigi a Londra.
Assassinio sull’Orient Express è forse il più celebre film, ma di sicuro non l’unico in cui il treno compare.
Il convoglio compare infatti anche in Dracula di Bram Stoker, Il treno d’Istanbul di Graham Greene, Orient Express - Viaggio senza ritorno di Mark Roper, A 007, dalla Russia con amore di Terence Young.

Approfondimenti

Ferroviaggi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia