È il 6 dicembre 1970 e la E.444.001 da oltre tre anni fa bella mostra di sé davanti ai treni veloci più prestigiosi delle Ferrovie dello Stato.

Sono passati poco più di tre anni dall'8 novembre del 1967 in cui vengono raggiunti i 207 km/h sulla Roma - Napoli ma l'eco è ancora così forte che le Poste Italiane decidono di celebrare la Tartaruga in un modo molto particolare.

In occasione della XII Giornata del Francobollo viene emessa una quartina che ritrae proprio il primo esemplare del Gruppo al traino di un treno di carrozze postali, coerentemente con il tema trattato.

La stampa viene fatta in calcografia e la tiratura in 15 milioni di copie. Non è la prima né l'ultima volta che un francobollo ritrae un treno. C'è già stata l'apparizione dell'ETR 200 con la Bayard nel 1939 e ci sarà l'ETR 450 nel 1988 ma forse nessuno più di quello con la E.444.001 simboleggerà al meglio la storia della ferrovia nel nostro paese.

Complice il numero di copie il francobollo ha oggi un valore irrisorio, circa 10 centesimi di euro, ma ha un valore affettivo molto forte per gli appassionati che vedono celebrata una volta ancora la prima locomotiva veloce delle Ferrovie dello Stato.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Treni e tecnologia