Nel 1987 vedono la luce le prime carrozze Tipo UIC-Z1 di seconda classe atte al servizio a 200 km/h che vanno progressivamente a sostituire le UIC-X nelle relazioni più prestigiose.

Abbandonato l’Arancio con fascia bianca delle Eurofima, la livrea adottata è quella delle carrozze Gran Confort con telaio Grigio Ardesia e fascia dei finestrini di color Avorio ma con la striscia rossa rimpiazzata da quella blu ad identificare la classe inferiore. L'idea è quella di creare un convoglio omogeneo proprio con le Gran Confort, che nella realtà poi si tradurrà solo in parte a causa dell'adozione sulle unità successive della cromia a due toni di grigio con filetti gialli.

Il primo lotto, che viene ordinato nel 1985 e la cui consegna finisce nel 1989, è composto da 160 vetture classificate 61 83 21-90 070÷229 B. Esse si contraddistinguono per la climatizzazione Westinghouse o Sacme di tipo integrato con convertitore statico Westinghouse o Parizzi da 45 kVA, porte scorrevoli, apertura servoassistita, telechiusura e consenso tachimetrico. Rispetto alle Eurofima i lavabi del bagno sono in acciaio inossidabile, i tessuti e i materiali plastici sono ignifughi e i cristalli dei finestrini sono più stratificati ma temperati e in caso di emergenza possono essere infranti con un martello anziché dover essere asportati in blocco con la cornice.

Capocommessa della fornitura è la IMESI di Carini, cittadina vicina a Palermo ma altre fabbriche collaborano alla costruzione come Casaralta, CFC, Fiore e Omeca oltre a WABCO, Westinghouse, Sacme, Parizzi e Keller.

Nel corso della loro carriera queste carrozze sono state più vole stravolte e hanno ricevuto numerose livree oltre ovviamente alla XMPR, tra cui vale la pena ricordare quella Cisalpino con fondo argento e innesti grigio e celeste.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Treni e tecnologia