L'orario del 1998 può essere considerato come uno di quelli della grande transizione che ha portato le Ferrovie dello Stato come le conoscevamo negli anni '90 a quelle che abbiamo oggi.

Grazie a nuovi treni e a nuove relazioni, il materiale si svecchia anche se resistono gli ultimi baluardi di anziani rotabili duri a morire che però iniziano progressivamente a cedere il passo.

Scorrendo le pagine e senza pretesa di esaustività, si constata subito la fine del servizio regolare per gli ETR 220 che vengono messi a disposizione della flotta charter e riduzione anche per le ALe 601 che perdono l'IC "Mercadante" in favore degli ETR 450 e vengono impiegate con Intercity solo tra Roma e Benevento, Roma e Firenze e Roma e Ancona.

Tra Roma e Perugia cedono ancora una volta il passo agli allora ancora relativamente giovani ETR 450 che vanno a curare anche una coppia di Eurostar tra Roma e La Spezia via Grosseto mentre cessa il servizio no-stop tra Roma e Milano.

A proposito di Eurostar, gli ETR 500 monotensione con 24 convogli in turno curano tutto il segmento tra Roma, Milano e Venezia.

Degno di nota, sebbene fuori dal circuito passeggeri, l'utilizzo per il traino di treni merci delle E.402B di Napoli Smistamento.
15 macchine sono in turno su merci treni rapidi e celeri tra Padova, Milano Smistamento e Bologna San Donato verso Pomezia, Marcianise e Villa San Giovanni.

Al contempo le E.402A trovano il consueto spazio sulla Milano - Genova - La Spezia, sulla dorsale Milano - Reggio Calabria e sulla tratta tra Firenze e Verona.

Novità anche sui treni notte poiché vengono istituite le nuove relazioni Intercity Notte Milano - Bari, Milano - Lecce e Roma - Lecce.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia