Come tutti i convogli della stessa famiglia, il primo FLIRT bimodale di Stadler è costruito utilizzando profili estrusi in alluminio che lo rendono leggero e permettono un notevole risparmio energetico. Il veicolo a tre elementi è dotato di un modulo di potenza, che ospita i due motori Diesel Deutz V8 (Euro IIIB), il serbatoio e ulteriori dispositivi di azionamento.

Il convoglio è lungo complessivamente 66,8 metri, largo 2,82 metri e alto 4,12 metri. La velocità massima è di 160 km/h quando si utilizza l'azionamento elettrico e di 140 km/h quando si utilizza invece quello Diesel.

   

   

Il FLIRT per la regione Valle d'Aosta (ricordiamo che FLIRT è l'acronimo di Flinker Leichter Innovativer Regional-Triebzug in tedesco e Fast Light Innovative Regional Train in inglese) è una pietra miliare per Stadler: è il primo FLIRT caratterizzato da un sistema di trasmissione bimodale.

Con il suo peso assiale di 18 tonnellate è unico tra i treni regionali analoghi e grazie a questa caratteristica risulta adatto anche per linee secondarie dotate di armamento leggero. 

Esternamente è caratterizzato da una appariscente livrea rossa con telaio nero e porte oro.

   

Foto TG-Trains.com - www.tg-trains.com

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia