Al netto di alcune elettrificazioni in corso o i cui lavori inizieranno a breve (si pensi ad esempio alla FoggiaPotenza), in Italia sono ancora molte le linee a trazione Diesel e sono presenti in tutte le regioni della nostra penisola.

Analizzando i dati ufficiali presi dal sito di RFI, sono due le regioni con il 100% di reti non a trazione elettrica, la Sardegna (sul quale si tentò il fallito esperimento della corrente monofase con le E.491/E.492) e la Val d’Aosta. Considerando il numero di chilometri di linee in esercizio, terzo in ordine è il Molise con il 77,3% ed unica sopra la metà. Seguono quindi Abruzzo, Basilicata, Veneto, Trentino Alto Adige e Marche che si collocano tra il 39,3 e il 30,5 e quindi via via tutte le altre con la Liguria fanalino di coda con solo il 3,4% di linee ancora a trazione Diesel.

L’elenco completo che contempla chilometri di linee non elettrificati e percentuale rispetto alle tratte esistenti è visibile di seguito.

  Chilometri di linee Diesel Percentuale
     
Sardegna 430 100%
Val d'Aosta 81 100%
Molise 205 77,3%
Calabria 363 42,6%
Sicilia 578 41,9%
Abruzzo 206 39,3%
Basilicata 136 39,1%
Veneto 406 34,1%
Trentino Alto Adige 67 34%
Marche 118 30,5%
Piemonte 552 29%
Puglia 235 27,9%
Campania 240 21,9%
Toscana 503 18,8%
Friuli Venezia Giulia 84 17,7%
Lombardia 283 16,3%
Lazio 103 8,4%
Emilia Romagna 85 6,5%
Umbria 21 5,5%
Liguria 17 3,4%

Approfondimenti

Ferroviaggi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia