La notizia che abbiamo battuto nella mattinata sulla “Riorganizzazione nazionale del materiale rotabile” è ovviamente un pesce d’aprile, come tutti i nostri lettori hanno prontamente evidenziato. Ci permette però di fare il punto su tutte le iniziative messe in campo da Trenitalia e RFI per il sud Italia che per la prima volta dopo tanti anni vede numerosi investimenti sia dal punto di vista dei rotabili consegnati o in consegna sia da quello delle infrastrutture in costruzione o miglioramento.

Partiamo da queste ultime. Da mesi sono ormai in corso i lavori per il raddoppio della tratta tra Caserta e Foggia che costituirà un vero toccasana per i collegamenti tra la Puglia e Roma e quindi il nord Italia. Numerosi cantieri sono operativi e l’obiettivo principale dell'investimento sull'itinerario è la velocizzazione del collegamento attuale tra Lecce e Roma e il miglioramento dell’accessibilità al servizio ferroviario nelle aree attraversate, sia per i servizi nazionali di lunga percorrenza (velocità dell’ordine di 200 Km/h), sia per i servizi regionali e merci.

Cantieri aperti, poi, anche tra Palermo e Catania. Anche in questo caso l’obiettivo principale dell'investimento sull'itinerario è la velocizzazione dell’attuale linea con un collegamento a doppio binario elettrificato che consenta di raggiungere la velocità di 200 km/h e i requisiti di interoperabilità dettati dall’Unione Europea. Altra linea che subirà velocizzazioni è quella che unisce Salerno a Reggio Calabria. Gli interventi, che sono sia di tipo infrastrutturale che tecnologico, andranno a migliorare la circolazione ferroviaria creando nuove stazioni, sopprimendo passaggi a livello, velocizzando i tempi di trasporto, nonché ottimizzando alcuni impianti tecnici che permetteranno interscambi modali più efficienti. Per ultima accenniamo alla elettrificazione della ferrovia che unisce Foggia a Potenza e che porterà notevoli benefici sia in termini di tempi che di comodità di viaggio.

A questi importanti lavori sulla rete vanno poi aggiunti gli investimenti che Trenitalia sta facendo sul materiale rotabile. C’è ancora molto da fare, sia chiaro, ma molto va dato atto che si sta facendo. I nuovi convogli “Jazz” e “Swing” dotati di tutti i confort possibili, sono ormai di casa in molte regioni del sud e ad essi si aggiungeranno nei prossimi mesi i rotabili di nuova consegna, dai “Rock” di Hitachi ai “Coradia” Alstom. Un rinnovamento che sta coinvolgendo in qualche modo tutta la penisola ma che risulta particolarmente importante per il sud Italia è poi quello delle vetture letto, che stanno subendo un revamping totale che ne innalza, e di molto, il livello qualitativo.

A tutto questo bisogna poi aggiungere i passi avanti che stanno facendo le società private o ex private. Se è vero che c’è purtroppo voluto un tragico incidente, è anche vero che finalmente si sta lavorando per rendere le linee delle ferrovie concesse molto più sicure. Ferrotramviaria e FSE, quest’ultima ora sotto l’ala di FS, stanno puntando molto su questo aspetto e i benefici saranno presto ben visibili a tutti. E tutto questo vale anche per il materiale rotabile. In Campania EAV sta ricevendo i nuovissimi “Alfa 2” di costruzione Firema a cui faranno seguito gli “Alfa 3” mentre FSE sta per ricevere i nuovissimi convogli “Impulse II” della Newag. Il tutto mentre in Sicilia le FCE hanno appena finito di ricevere i primi 4 “Vulcano” sempre della Newag con una opzione che potrebbe portarne presto altri 6 alle pendici dell’Etna. Per concludere non bisogna dimenticare che proprio per le linee RFI della Sicilia si parla da qualche tempo di nuovi convogli, probabilmente Flirt 3 per il servizio regionale.

Tutto questo è sufficiente? Probabilmente no. Il sud Italia con i suoi meravigliosi paesaggi e con la calorosa popolazione che li abita è sempre stato troppo sottovalutato negli investimenti. Ma non possiamo non registrare un passo una volta tanto fermo e deciso verso un rilancio del trasporto ferroviario che lascia presupporre finalmente un epocale cambio di rotta.

Approfondimenti

Ferroviaggi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia