Poco dopo la Fiera di Norimberga, ACME ha presentato il suo nuovo catalogo per il 2019.

Qualcuno ha storto il naso, lamentando la mancanza della classica "perla" a cui ci ha abituato la casa milanese ma ammesso che questo sia vero, il nuovo catalogo prevede moltissime novità interessanti forse nel settore che ad ACME riesce meglio, quello delle carrozze.

La prima è sicuramente il Treno Azzurro per il quale viene proposta anche la E.646.006 allo stato d'origine. Non da meno il classico Rapido dei primi anni '70 con i set che ripercorrono un convoglio Grigio Ardesia di UIC-X con filetto rosso e, volendo, la E.444 di II serie modanata senza baffo rosso.

Riproposto in maniera differente il TEE Mediolanum, stavolta con anche il rinforzo delle carrozze Eurofima DB, che nella foto reale viene mostrato con una splendida E.633 in testa mente del tutto nuovo per la casa è l'Apfelpfeil, la Freccia della Mela che veniva regolarmente nel nostro paese con un itinerario che toccava Ancona - Bologna - Verona - München - Mainz - Koln - Duisburg - Wesel - Bocholt. Un treno decisamente bello e importante che viene proposto addirittura in nove carrozze con differenti cromie come al vero, verde e giallo e arancione.

Leggermente più avanti di epoca è poi il Romulus tra Roma e Vienna che viene proposto in otto elementi con un bel misto di vetture italiane e austriache e impreziosito dalla carrozza ristorante Gran Confort.

Rimanendo nel campo dei treni internazionali, sembra che il 2019 sia l'anno buono per il Roma, EuroNight che si disimpegnava tra la Capitale e la Svizzera, proposto tutto in livrea pre XMPR.

Venendo all'epoca attuale la novità che non ti aspetti e sugli Intercity Giorno poiché ACME commercializza singolarmente tanto la E.402B quanto la Pilota UIC-Z. Una mossa inattesa da una ditta che solitamente tendeva a mettere queste "chicche" in set con altri elementi.
Si tratta di una buona opportunità per il modellista che volendo può anche prenderli per riprodurre, fedelmente, alcune insolite composizioni che vi abbiamo documentato anche su queste pagine.

Se interessanti sono le nuove riproduzioni di vetture notte in XMPR, molto appetibili sono sia l'Adria Express con due set per un totale di sei elementi interamente austriaci (per i quali sarebbe azzeccata una E.645 Castano e Isabella) sia lo Spree-Alpen Express, un meraviglioso e "facilissimo" Espresso con carrozze delle DR che effettuava servizio lungo la tratta Berlino-Bolzano-Merano e che in Italia era trainato da una E.652, sottoutilizzata vista la composizione di sole quattro vetture.

Tra i materiali che interessano in maniera diretta o indiretta il nostro paese meritano una citazione una ulteriore vettura del Bahn Touristik Express ma soprattutto l'ALEX - Západní expres, il convoglio che collega Monaco di Baviera a Praga gestito dalle ferrovie italiane in Germania.
In questo caso sono previsti due set con vetture tedesche ex Trenitalia e una ceca.

Rimanendo in Cechia è molto interessante il RegioJet con la sua cromia gialla e con relativa locomotiva mente si estende il materiale per fare il NightJet austriaco con nuovi elementi che possono accrescere il convoglio che giunge anche in Italia.

Venendo al materiale motore spicca l'ETR 250 finalmente in epoca più recente con terzo faro e si vede l'ETR 400 che ormai dovrebbe essere prossimo alla consegna. Sempre in campo AV si rivede l'ETR 500 anche nella sua versione RFI bianca e blu.

Non ci dilungheremo molto sul resto, evidenziando solo le cose principali che ci hanno colpito di questo nuovo catalogo.

Per le locomotive sicuramente altre E.652, anche nella versione Mercitalia, la E.447 che ormai dovrebbe essere prossima e il ritorno di E.444 ed E.444R ma soprattutto la proposta relativa a una nuova D.143 e alle precedenti Ne 120 declinate in tre versioni.

A nostro modo interessanti, sempre per rimanere nel nostro paese, le Škoda viste sulla rete FNM e non solo.

Sul fronte internazionale come sempre ACME torna alla carica con nuove vetture tedesche, austriache, ceche, ungheresi, svizzere, bulgare e sovietiche davvero per tutti i gusti anche se a noi ha colpito l'immaginazione la vettura Cinema delle SNCF in livrea Corail, forse in ricordo di quella in scala 1:80 che vendeva diverse decine di anni fa una ditta concorrente.

Ancora per le carrozze regionali interessanti i set col convoglio Trenord e quello in MDVC, entrambi con le vetture a Piano Ribassato e la più antica con la E.646 in livrea analoga che risulta decisamente molto attesa.

Una menzione particolare va poi alle vetture di Fonazione FS Italiane e a quelle di CIWL che sembrano entrambe davvero molto belle, così come le U-Hansa.

Finendo coi merci ci piace quello del caolino DB con macchina 483 e carri rossi.

In tutto questo tripudio un appunto però lo dobbiamo fare. Il catalogo in PDF non ci risulta sia stato rilasciato ufficialmente e si trova solo per vie "traverse". Ci rendiamo conto che così se ne vendono di meno ma nel 2019 sarebbe il caso di renderlo disponibile più in formato elettronico che in quello cartaceo.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia