ViTrains, azienda leader nel fermodellismo, torna nei negozi dopo le recenti vetture Vivalto anche con nuove Carrozze Semipilota “Revamping” tanto in livrea XMPR quanto nella nuova cromia DPR.

Tre sono gli articoli che vediamo in questa recensione, tutti e tre già disponibili per l’acquisto. 
Il primo è la Carrozza Semipilota MDVC TE in livrea XMPR di 2ᵃ classe con finestrini chiusi per la presenza di climatizzazione a bordo. Si tratta dell’articolo 3194 con vettura marcata 50 83 82-87 000-6 npBD I-TI.

Il secondo è la Carrozza Semipilota MDVC TE passante in livrea XMPR sempre di 2ᵃ classe e sempre con finestrini chiusi. In questo caso l’articolo è il 3195 con unità marcata 50 83 82-86 818-2 npBH I-TI.

Il terzo, infine, è ancora una Carrozza Semipilota MDVE TE di 2ᵃ classe ma nella nuova livrea DPR di Trenitalia anche in questo caso con finestrini chiusi. Si tratta dell’articolo 3174 che riproduce la carrozza 50 83 82-87 102-0 npBH I-TI.

Le due carrozze non passanti si caratterizzano per la presenza del decoder integrato di Almrose e l’illuminazione interna mente quella passante ha solo quest’ultima. Tutte, ovviamente, hanno i fanali funzionanti, tanto le luci bianche di testa quanto le rosse di coda.

Quanto di buono detto a suo tempo su ViTrains per le carrozze Vivalto (Fermodellismo: da ViTrains arrivano nuove carrozze Vivalto) è assolutamente valido anche per queste nuove versioni di Medie Distanze. La ditta veneta gioca su un terreno che conosce molto bene e sul quale sa come districarsi al meglio e questo si vede bene nella riuscita dei modelli.

Queste nuove versioni confermano la bontà del progetto iniziale e aggiungono un nuovo tassello mancante per poter effettuare treni regionali sempre più realistici e attuali.

 

Sull’estetica delle tre carrozze c’è davvero poco da dire se non che siamo di fronte al modello reale ridotto di 87 volte così come nulla dobbiamo aggiungere sulla verniciatura che è sempre stata uno dei punti di forza di ViTrains.

Qualche parola in più, visto che è una novità, vogliamo investirla sulla vettura nella nuova cromia che esteticamente ha una resa davvero eccezionale. 
La tonalità dei colori scelta è ottima, così come è riprodotto alla perfezione lo schema di verniciatura, con le due strisce blu e gialla in basso e la fascia nera sui finestrini. Ben fatta la colorazione delle porte e corretta, se a qualcuno fosse venuto il dubbio, la scelta di verniciare di verde anche le maniglie visto che così sono anche al vero.

L’applicazione è perfetta, senza sbavature nemmeno nei punti difficili e con colori sempre coprenti, anche quelli con tonalità più chiara. 
Loghi, scritte di servizio ed etichette sono collocati nella giusta posizione e sono tutti assolutamente ben visibili anche a occhio nudo, con estrema nitidezza.

 

L’illuminazione interna è ben realizzata, con una tonalità, una luminosità e una diffusione nell’ambiente che ci convince anche se “obbliga” a inserire all’interno qualche personaggio e qualche tendina, delle quali si sente un po’ la mancanza. 
Discorso analogo può essere fatto per le luci sui frontali che a nostro giudizio devono essere leggermente ridotte di potenza poiché alla massima intensità tendono a “sbucare” da tutti i fanali. Nulla che non si possa fare in pochi istanti modificando qualche CV del decoder, sia chiaro.

 

A proposito di DCC, nelle nostre unità ha funzionato tutto in maniera molto semplice e intuitiva, senza necessità di particolari configurazioni. Per effettuare un test abbiamo anche lasciato le vetture con tutte le luci accese per oltre un’ora sul plastico al termine del quale abbiamo riscontrato una produzione di calore sull’imperiale del tutto trascurabile. 
Per concludere il discorso illuminazione ci preme sottolineare che anche in presenza di binari non perfettamente puliti non c’è stato alcun tentennamento e anche durante la corsa non abbiamo percepito alcuno sfarfallio.

I prezzi sono in linea con quanto visto finora. Le due Semipilota non passanti illuminate, che ricordiamo contemplano anche il decoder integrato, hanno un importo consigliato al pubblico di Euro 98,00 mentre la passante illuminata di Euro 93,50.

 

Le carrozze MD sono ancora oggi una parte fondamentale del parco di Trenitalia per i treni regionali. Esse sono usate in tutta Italia, sia su linee elettrificate che non, anche se queste prodotte da ViTrains devono essere dislocate sulle prime.

La composizione classica prevede vetture di livrea omogenea con in testa una E.464 (ovviamente sempre ViTrains), ma non mancano e non sono mancate eccezioni alla regola.

In particolar modo, la carrozza Semipilota in nuova cromia DPR ha girato a lungo con vetture intermedie in XMPR, anche se oggi è preferibilmente inserita in composizione a treni dalla livrea analoga.

Come sempre, tuttavia, siamo dell’opinione che, senza esagerare, sia interessante proporre anche composizioni alternative e più caratteristiche, come quelle che interessano i TME per mezzo dei quali queste vetture vengono trasferite agli impianti di assegnazione.

I treni che provengono da Torre Annunziata Centrale, stazione al servizio delle Officine di Santa Maria La Bruna, dove le vetture vengono ripellicolate, contemplano spesso altre tipologie di mezzi e altri schemi di verniciatura che rendono un convoglio particolarmente interessante.

Alla luce di ciò, di fianco ad un regionale classico composto da 6/7 carrozze MD ViTrains con in testa una E.464 della ditta veneta e in coda una Semipilota, potrebbe essere carino far circolare un convoglio dove le Medie Distanze sono in trasferimento insieme ad altro materiale rotabile, prendendo spunto, ad esempio, dal video di seguito.

Indipendentemente da quel che si vuole realizzare sul proprio plastico, va dato merito a ViTrains di aver consegnato altre vetture per poter riprodurre qualsiasi tipo di treno regionale circolante sui binari del nostro paese.

Ora il sentiero tracciato può essere completato con le carrozze MD intermedie in livrea DPR ma siamo certi che la ditta veneta ci stia già lavorando.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia