Rendere 160 stazioni ferroviarie accessibili alle persone con disabilità entro il 2024. È questa la grande scommessa del governo francese e dell’azienda dei trasporti SNCF, che hanno firmato a dicembre 2016 un dettagliatissimo patto che contiene le tappe per compiere questa immensa opera e per abilitare il personale a prendersi cura dei viaggiatori con handicap.

Si prevede infatti di agire su due livelli. Il primo prevede l’adeguamento di banchine, accesso alle piattaforme, sale d’attesa, percorsi, segnaletica, banchi o aree di informazione e di vendita, distributori automatici di biglietti, servizi igienici. Il secondo prevede la formazione a tappeto del personale, legata alle esigenze dei cinque principali tipi di disabilità (visiva, uditiva, motoria, psichica e intellettuale).

Iniziative che si rendono fondamentali dal momento che in Francia, ogni anno, 5 milioni di passeggeri con un handicap prendono il treno autonomamente, 2 milioni di genitori si spostano con un passeggino e il 25% dei viaggiatori ha più di 60 anni.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia