Attivo nella stazione di Ancona un nuovo Apparato Centrale Computerizzato (ACC) per la gestione e il controllo della circolazione ferroviaria.

Il nuovo impianto - uno dei sistemi di massimo livello tecnologico nel settore del segnalamento ferroviario, il più grande nelle Marche - è una vera e propria “cabina di regia” che, grazie alle potenzialità offerte dall'elettronica, gestisce in modo più efficace ed efficiente la circolazione ferroviaria, soprattutto in caso di criticità, garantendo una maggiore flessibilità nell’uso dei binari di stazione.

Le tecnologie di ultima generazione e il potenziamento infrastrutturale rendono più affidabile l’infrastruttura incrementando gli standard di regolarità e puntualità del traffico ferroviario.

L’ACC di Ancona, che sostituisce il precedente sistema a tecnologia elettromeccanica operativo dal 1968, è il più grande impianto di sicurezza in funzione nella Regione Marche.
Investimento economico di RFI circa 30 milioni di euro.

All’intervento di Ancona - propedeutico anche alla velocizzazione della linea Adriatica -  seguiranno nelle Marche ulteriori interventi per il potenziamento tecnologico della rete ferroviaria regionale (nelle stazioni di Jesi Interporto, Castelplanio, Albacina e Falconara Marittima), per l’innalzamento degli standard di qualità della linea a tutto vantaggio della regolarità del servizio.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia