Da ieri è vietato dormire per chi viaggia in treno dalla Sicilia al Nord e viceversa. I passeggeri che attraversano lo Stretto di Messina a bordo dei convogli, dovranno obbligatoriamente scendere dal mezzo e raggiungere il ponte. Il tutto al fine di «garantirne l'incolumità». È la nuova direttiva che la Capitaneria di porto di Messina ha imposto al gruppo Rete Ferroviaria Italiana, dopo aver riscontrato «gravi non conformità inerenti la sicurezza della navigazione».

Nella nota, che porta la data del 30 giugno, si sottolinea come, a bordo del traghetto Scilla su cui vengono caricati i treni, non funzioni il meccanismo che dovrebbe mettere in mare il rescue boat, cioè il mezzo di salvataggio. Allo stesso tempo la verifica della Capitaneria ha portato ad accertare che anche il sistema di antincendio presenta delle falle. «Due postazioni preposte all'espansione della schiuma espansa (che serve proprio per spegnere le fiamme) non erano pienamente funzionanti».

Da qui l'ordine a RFI, che ha girato la comunicazione ai comandi di bordo di Villa San Giovanni e Messina: «In occasione del traghettamento di treni viaggiatori accertarsi che, prima dell'inizio della traghettata, tutte le vetture ferroviarie siano vuote e che i passeggeri si trovino presso il ponte passeggeri per tutta la durata della traghettata». Insomma, obbligo di salire a prendere una boccata d'aria. A qualunque orario avvenga la traversata.

Sono cinque le coppie di treni rimaste che collegano ogni giorno la Sicilia al resto d'Italia: quattro per Roma e una per Milano. «L'ultimo convoglio per la Capitale - spiega il presidente del comitato pendolari, Giosuè Malaponti - parte alle 22 da Siracusa, arriva a Messina intorno a mezzanotte, quindi chi ha prenotato una cuccetta non potrà comunque dormire. Stesso discorso per uno dei treni al ritorno, che raggiunge Villa San Giovanni alle quattro del mattino».

Spetta adesso al gruppo RFI effettuare la manutenzione necessaria per risolvere in fretta questo annoso problema.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia

Potrebbe interessarti anche...