La Fede, per chi la ha, è una cosa meravigliosa, ma alle volte può creare dei problemi.

Qualche giorno fa, un uomo è arrivato dalla Polonia all'aeroporto d'Abruzzo di Pescara per andare a Roma, all'udienza generale del Papa. Una volta atterrato dal volo Ryanair è stato però bloccato dalla polizia di frontiera, che lo ha arrestato, perché nei suoi confronti pendeva un ordine di cattura.

L'uomo, giunto in Italia con la fidanzata, è stato identificato tramite la carta d'identità polacca ed è stato accompagnato negli uffici per gli accertamenti e l'avvio della procedura di estradizione. Nei suoi confronti pendeva un mandato di arresto europeo per un reato nemmeno tropo piccolo, sfruttamento dell'immigrazione clandestina. 

La fidanzata era all'oscuro di tutto e la sua vacanza italiana non solo è finita prima di iniziare ma la ha anche costretta al rientro a casa da sola mentre il compagno è stato richiuso nel carcere pescarese di San Donato, a disposizione del presidente della corte d'appello dell'Aquila. 

Gli agenti, diretti da Dino Petitti, non potendo procedere al controllo capillare di ogni passeggero per via del diritto alla libera circolazione per coloro che si muovono all’interno dell’area Schengen, hanno convogliato tutti i viaggiatori lungo un unico corridoio dove è stato predisposto un servizio per poter individuare il giovane tra gli oltre 160 utenti sbarcati. 

 

Mese consegna Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Dal nostro YouTube