Oggi all’incontro con i rappresentanti sindacali di Alitalia, il ministro dello Sviluppo economico e vicepremier Luigi Di Maio illustrerà il progetto a cui lavora per il rilancio della compagnia.

Si tratta di una Newco con Ferrovie dello Stato, con la partecipazione di Cassa depositi e prestiti e del ministero dell’Economia per una quota del 15 per cento.

Nell’intervista concessa al Sole 24 Ore di venerdì 12 ottobre Di Maio ha anticipato le linee guida del progetto: “Arriveremo alla scadenza del 31 ottobre – spiega il ministro – con una manifestazione di interessi con offerta vincolante per Alitalia”.

Nessuna proroga è prevista, aggiunge il vicepremier, “per il prestito ponte da 900 milioni concesso dal precedente Governo e che dovrebbe essere restituito da Alitalia entro il prossimo 10 dicembre”.

Fondamentale il tema del prestito, perché “il ministero dell’Economia convertirà in equity parte del prestito con cui coprirà la quota del 15% di partecipazione nella Newco”.

Secondo il progetto del ministro, la nuova società avrà una dotazione iniziale di due miliardi “che consente ad Alitalia di tornare competitiva e di avere nuovo slancio. Una dotazione che le consente di emergere dalla linea di galleggiamento”.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Dal nostro YouTube