Il 25 maggio 1989 è una data in qualche modo storica per le Ferrovie dello Stato.

In quel giorno, infatti, si affaccia prepotentemente sulla scena nazionale e mondiale il prototipo del treno ad alta velocità del futuro italiano, l'ETR X 500.

Con il suo profilo acuminato che è in giro dall'anno precedente, il treno composto dalla E.404.000 e una sola carrozza laboratorio stabilisce in quel giorno il nuovo record di velocità italiano.

Lungo la Direttissima Roma - Firenze, tra i Posti di Comunicazione Rigutino e Farneta Nord, l'ETR X 500 schizza letteralmente a 316 km/h, mortificando il precedente primato.

Negli anni successivi, questo record sarà battuto più volte, dapprima dagli eredi dell'ETR X 500, gli ETR Y 500, quindi in tempi decisamente più recenti dal Frecciarossa 1000 che ferma il tachimetro a 393,8 km/h.

A vederlo oggi, il primato del 1989 può far sorridere, ma ai tempi fu qualcosa di eccezionale anche in considerazione della infrastruttura su cui lo stesso venne realizzato.

Oggi la E.404.000 è ferma all'interno della Hitachi di Pistoia in attesa di tempi migliori dopo essere stata donata da Fondazione FS Italiane alla allora AnaldroBreda mente purtroppo la carrozza laboratorio è stata demolita. Senza alcun dubbio il treno del record avrebbe meritato un destino migliore.

Foto di Sandro Baldi, Bologna, Italia - Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1791374

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia