I treni italiani nascondono molte più curiosità di quante si possano pensare.

A volte esse sono celate tra i faldoni delle ditte costruttrici o magari tra le righe di qualche polveroso contratto, altre volte, invece, sono sotto gli occhi di tutti ma magari in maniera non così evidente da diventare palesi.

In questo articolo abbiamo quindi pensato di raccontare ai nostri lettori dieci curiosità su rotabili italiani o comunque sulle nostre ferrovie che forse non tutti conoscono e che abbiamo ricostruito scavando parecchio nelle vicende storiche e tecniche del nostro passato.

1) Nel 2000 le Ferrovie dello Stato erano in trattativa con la Ansaldo di Napoli per la costruzione di altre 24 E.402B che si sarebbero dovute aggiungere alle 80 già esistenti. La numerazione avrebbe dovuto essere E.402B.181÷204 ma successivamente l'ordine fu modificato per acquistare altrettante E.403 politensione.
Queste ultime erano considerate talmente tanto le eredi delle prime da avere come nome di progetto E.402C.

2) Qualcosa di analogo a questo si era già visto ai tempi delle E.656. Nel 1986 le FS accolsero infatti la proposta precedentemente avanzata dal TIBB di convertire l'ordine già precedentemente formalizzato di 6 E.656 di sesta serie in altrettanti prototipi del nascente Gruppo E.652.

3) Sulle locomotive monocabina E.453 ed E.454 furono montati i motori MTC 743/83.
Non sarebbe nulla di speciale, non fosse che gli stessi furono montati anche sulle E.491 e sulle E.492. Tutte queste macchine, peraltro, condividevano anche lo stesso tipo di carrelli. Quando si dice sorelle nella sfortuna...

4) A proposito di E.491 ed E.492, tra le tante proposte strambe venute fuori per dare un senso a queste macchine dopo la decisione di abbandonare l'elettrificazione monofase in Sardegna, spunta quella ipotizzata nel 1996.
Per esse si pensò ad un utilizzo accoppiato di una locomotiva normale con un'altra unità in funzione di tender, privata delle apparecchiature elettriche ma dotata di gruppi trasformatori da corrente alternata a corrente continua per la fornitura di energia. L'epilogo, come tutti sappiamo, è stato molto differente...

5) La E.636.266 è la locomotiva che visse due volte. La macchina originale, rimasta gravemente danneggiata i seguito ad un incidente, venne demolita ma poiché la E.636.003 presentava problemi al rodiggio, si decise di dotarla dei carrelli della E.636.266 rinumerandola con questa marcatura. L'operazione fu fatta nel 1999 presso le OGR di Verona.

6) Una sorte analoga e se vogliamo anche più prestigiosa, è toccata anche alla E.626.059. L'unità originale venne demolita dopo essere anche entrata a far parte del parco delle ferrovie jugoslave. Il suo posto fu preso dalla E.626.027 che è successivamente stata riverniciata in colore Castano e Grigio Pietra per entrare nella dotazione del Museo Ferroviario di Trieste.

7) Nel luglio del 2003 la E.402B.138 effettuò prove dinamiche con i nuovi carrelli Hembot (High Efficiency Motor Bogie for Trains) che furono poi montati sulle E.403. Durante i test la locomotiva raggiunse la ragguardevole velocità massima di 246 km/h sulla Direttissima tra Firenze e Arezzo.

8) Nella stazione di Brunico fino a fine anni '90 era possibile trovare un disegno di una BR 103 delle DB... con logo Trenitalia davanti. Mancanza di rotabili italiani stilizzati o troppa vicinanza con il confine austriaco?

9) Nel 2007 si effettuarono importanti lavori di riqualificazione della stazione di Fara Sabina, alle porte di Roma. Per inserire un nuovo scambio fu tagliato il marciapiede col risultato che la parte più estrema di esso non era raggiungibile se non attraversando i binari. Si era in pratica creata un'isola ferroviaria...
Con la fine dei lavori il marciapiede fu restituito semplicemente accorciato.

10) Nell'orario del 2000 il Regionale per Terontola che fermava a Giuncano aveva il singolare primato di avere il servizio bici al seguito nei giorni festivi. Il problema, tuttavia, era che esso circolava solo nei giorni lavorativi...

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia