Abbiamo spesso detto che i convogli riparandi, noti anche come TME – Treno Merci Espresso, sono tra i più particolari nei quali ci si possa imbattere oggigiorno.

Si tratta, come noto, di convogli che trasportano carrozze appena riparate o da riparare da un impianto a un'officina e che spesso sono composti da mezzi nuovi o al contrario decisamente malridotti.

Non mancano poi le situazioni insolite, con rotabili che, invece, vengono magari inviati da una officina o un deposito all'altro per essere completati e quindi sono, ad esempio, definitivi in tutto tranne che nella verniciatura.

È questo il caso delle tre vetture a Piano Ribassato che vi sottoponiamo in questo articolo. Si tratta di tre unità riqualificate e quindi sottoposte ad un profondo revamping.

 

Esse riportano i vetri tappati e gli interni evidentemente rimessi a nuovo, ma nulla è invece stato fatto per la pellicolatura che probabilmente deve essere messa in atto alla fine dei lavori nella officina di destinazione.

Solo le zone intorno all'intercomunicazione e gli imperiali, a ben guardare, risultano freschi di verniciatura e sostanzialmente definitivi, con gli ultimi che peraltro mostrano in maniera inequivocabile il destinatario finale delle vetture.
In tutte e tre le foto, infatti, la livrea che emerge come base è l'XMPR di Trenitalia, ma uno dei tre tetti è inequivocabilmente nel tipico verde di Trenord, il che lascia presupporre che questa unità sia dislocata in Lombardia e appartenga a quella società.

Tre foto insolite, dunque, rese ancora più caratteristiche dalla composizione dei convogli ritratti che vedono in un caso una E.656 alla trazione e negli altri due delle vetture di diversa tipologia trasportate con un cenno particolare dedicato alla UIC-X Pilota agganciata proprio a una delle nostre Piano Ribassato.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia