Il Venice Simplon-Orient-Express, il servizio ferroviario di lusso di Belmond Ltd che viaggia tra Londra e Venezia toccando altre città europee, celebra l’Art Deco con l’aggiunta di tre Grand Suites denominate Paris, Venice e Istanbul.

Traendo ispirazione dallo stile di ciascuna delle destinazioni che il treno attraversa, Parigi, Venezia e Istanbul, l’azienda di design Wimberly Interiors ha usato dettagli decorati, ricami fatti a mano e tessuti sontuosi per riflettere il carattere unico di ogni città.

La suite di Parigi

Ispirandosi alla storica storia d’amore di Parigi con il movimento Art Deco, Wimberly Interiors ha adornato la Suite di Parigi con raffinati tocchi decorativi e una tavolozza di colori chiari e nitidi. L’haute couture e l’eccellenza gastronomica della città sono rappresentate attraverso arredi eleganti, tessuti delicati, bicchieri di cristallo e pannelli in cristallo Lalique.

La Suite di Venezia

Nella suite dedicata alla città, Wimberly Interiors ha celebrato la grandezza di Venezia utilizzando sete damascate, tonalità blu e argento e lampadari in vetro di Murano su misura che riflettono il patrimonio barocco e rinascimentale della città. La suite celebra anche l’artigianato locale attraverso elementi decorativi come specchi veneziani tradizionali e arazzi antichi provenienti da Venezia.

La suite di Istanbul

Questa suite è ispirata alla ricchezza di Palazzo Topkapi, al design tradizionale ottomano e al famoso Grand Bazaar di Istanbul. Bordi di pannelli intagliati a mano in legno e intarsiato con madreperla ricordano l’opulenza e il romanticismo della destinazione, mentre cristalli in ambra, pelle in rilievo e dettagli in metallo rendono onore al patrimonio unico della città.

L'articolo in versione originale sul sito della Wimberly Interiors.

Foto Wimberly Interiors

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia