Il professor Pierluigi Coppola, docente presso l'Università La Sapienza e uno dei massimi esperti di trasporti in Italia, prende le distanze dal verdetto negativo sulla TAV.

Fa discutere e continuerà a far discutere l'analisi costi-benefici sulla linea ferroviaria TAV Torino-Lione.

Secondo alcune indiscrezioni del quotidiano Il Messaggero, il professor Coppola avrebbe contestato l'andamento dei traffici tra Italia e Francia che, a differenza di quanto redatto nell'analisi consegnata ai vertici dell'UE, sarebbero in aumento.

Coppola ritiene che la via migliore per facilitare l'interscambio sia proprio lo sviluppo della Tav, visto che l'autostrada è ormai quasi satura e che l'attuale linea ferroviaria è obsoleta.

Secondo il quotidiano romano però, 5 su 6 dei suoi membri hanno scritto nero su bianco che il completamento della Torino-Lione costerebbe troppo rispetto ai benefici possibili, non considerando però gli effetti su traffico, ambiente e sicurezza stradale. 

La faccenda della TAV, ne siamo certi, è destinata ancora a far parlare di sé.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia