La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato la proposta tariffaria per i servizi ferroviari transfrontalieri Udine-Trieste-Lubiana tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Repubblica di Slovenia, che saranno attivati a partire dal 9 settembre 2018 a cura di una partnership tra le Società ferroviarie Trenitalia e la Slovena Slovenske železnice.

I collegamenti ferroviari saranno garantiti con cadenza giornaliera con due coppie di corse di cui una prolungata fino a Udine, con l'utilizzo dei nuovi elettrotreni ETR 563 di proprietà regionale e affidati in uso a Trenitalia. I treni, attrezzati e certificati anche per la circolazione su rete slovena, dispongono di 272 posti a sedere e 30 posti bici su appositi supporti.

Le fermate definite sono 7 in territorio del Friuli Venezia Giulia e 8 in Slovenia. In regione il treno fermerà a Udine, Palmanova, Cervignano-Aquileia-Grado, Trieste Airport, Monfalcone, Trieste Centrale e Villa Opicina. In territorio Sloveno il treno fermerà a Sezana, Divaca, Pivca, Postonja, Rakek, Logatec, Borovnica e infine a Lubiana.

Per quanto riguarda il costo dei biglietti, frutto di una condivisione tra Trenitalia e SŽ, si è fatta la somma tra le tariffe applicate per la parte in Friuli Venezia Giulia e quelle applicate in Slovenia. Per la tratta in Friuli Venezia Giulia, tra Trieste e il confine, si è definita una tariffa convenzionale pari a 1,20 euro corrispondente alla prima fascia tariffaria (da 0 a 4 km) applicata ai servizi ferroviari regionali (1,25 euro) arrotondata a 1,20 euro per motivi legati al sistema di vendita Trenitalia.

A titolo di esempio, per arrivare a Lubiana da Villa Opicina o da Trieste Centrale (e viceversa), il biglietto costerà 8 euro, da Monfalcone costerà 10,80 euro, da Trieste Airport 11,60, da Cervignano-Aquileia-Grado 12,60, da Palmanova 13,60, da Udine 15,60. Per raggiungere Sesana, che è la tratta più vicina e quindi più economica, si va da 2 euro da Villa Opicina e Trieste Centrale, ai 9,60 euro del collegamento con Udine.

"I nuovi servizi ferroviari tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia aprono una nuova stagione di integrazione dei trasporti e di promozione della mobilità ferroviaria e quindi sostenibile. Le tariffe - ha detto l'assessore a Infrastrutture e Territorio, Graziano Pizzimenti - sono pensate per promuovere un servizio che accresce le capacità di connessione anche in chiave multimodale, considerando la fermata strategica all'aeroporto regionale Trieste Airport".

Approfondimenti

Ferroviaggi

La ferrovia che scompare

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia